Prima nazionale alla Reggia di Carditello
del pluripremiato corto «Io vivo per te»

Lunedì 22 Novembre 2021
Prima nazionale alla Reggia di Carditello del pluripremiato corto «Io vivo per te»

Il lato oscuro della violenza. Sarà il Real Sito di Carditello a ospitare, in prima nazionale, la proiezione pubblica di «Io vivo per te», il pluripremiato short film sul Gaslighting di Rita Raucci, scritto con Claudio Lombardi e Paolo Mazzarella, per la regia di Gaetano Ippolito.

L’evento, nato dalla collaborazione tra la Reggia di Carditello, il Collettivo Paula e la Cooperativa Eva, è inserito nel programma “Carditello experience” e si terrà sabato 27 novembre, alle 18, data di per sé simbolica, in quanto rientra nella settimana in cui si celebra la “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.

La proiezione sarà anticipata dai saluti del presidente del Real Sito di Carditello Luigi Nicolais, del direttore di Carditello Roberto Formato, del presidente del Consiglio regionale della Campania Gennaro Oliviero, del sindaco di Caserta Carlo Marino, della vicesindaca di Capodrise Luisa D’Angelo, della presidente della Consulta regionale per la condizione della donna Simona Ricciardelli e della Consigliera di parità della Provincia di Caserta Rosaria Calabrese. Ai saluti seguiranno gli interventi di Daniela Santarpia, sociologa e presidente della Cooperativa Eva, e di Rita Raucci, ideatrice e interprete di «Io vivo per te». L’incontro si concluderà con un dibattito, in cui sarà presente il cast, stimolato dalla giornalista Daniela Volpecina. L’ingresso è gratuito, ma per ragioni di sicurezza la sala potrà ospitare fino a un massimo di 100 persone. Saranno ammessi alla visione solo coloro che si prenoteranno all’indirizzo email: iovivopertecarditello@gmail.com.

Premiato come “Best women’s short film” in India, finalista in Svezia e con più di dieci nomination in festival italiani e internazionali, «Io vivo per te» è diventato, in poche settimane, un caso nel panorama del cinema indipendente. Protagonisti, Rita Raucci, nei panni della vittima, e Peppe Romano, in quelli del gaslighter. Firma la fotografia Damiano Errico; le riprese e il montaggio sono di Luigi Nappa, le musiche originali di Mauro Falardo. Il cortometraggio è prodotto dal Collettivo Paula di Caserta (fondato da Raucci, Lombardi e Mazzarella) ed è stato realizzato grazie al volontariato professionale di un gruppo che ha vissuto questa esperienza come un atto di civismo e di cittadinanza attiva.

Il Gaslighting è una delle forme più subdole di violenza psicologica ed è una grave violazione dei diritti umani. Si esprime attraverso una manipolazione mentale insidiosa e costante: la vittima è indotta, con false informazioni e inganni, a dubitare di se stessa. Può manifestarsi in una relazione sentimentale, affettiva o professionale; non è una violenza di genere, ma le donne sono le vittime più ricorrenti. Chi la subisce, spesso, non se ne accorge e non denuncia. E, anche quando lo fa, il reato è difficile da provare e l’abusante resta impunito. L’obiettivo, forse ambizioso, di contribuire a creare quella cultura della conoscenza, tale da far uscire dall’inconsapevole prigionia le vittime e qualificare e potenziare la rete di aiuto, ha spinto Rita Raucci, Claudio Lombardi e Paolo Mazzarella a stendere una sceneggiatura che raccontasse con il linguaggio del cinema tutte le fasi dell’abuso mentale generato dal Gaslighting. 

Video

«Io vivo per te» irrompe nella quotidianità familiare di Marco e Giulia. La vicenda si consuma in un ambiente asettico, quasi metafisico: Giulia è una donna avvenente, solare; Marco, un uomo autorevole che suscita fascinazione, timore. Il loro, tra alti e bassi, sembra un rapporto come tanti; eppure, nei ricordi, nei pensieri e nei silenzi di lei emerge la solitudine di una donna divisa tra il bisogno d’amore e di condivisione affettiva e l’impoverimento del corpo e della mente, indotti dalla rigidità narcisistica e manipolatoria di lui. È Marco a condurre il gioco: un gioco degli inganni che ruota intorno a una lampada, diabolico simulacro del suo dominio. La storia involve in una crisi profonda, in cui Giulia inizia a dubitare della sua memoria e persino della sua capacità di percepire la realtà. L’epilogo, come troppo spesso accade nella realtà del Gaslighting, non mostra né redenzione né spiragli di salvezza: in uno stato di congelamento emotivo, Giulia sarà incapace di riconoscere il suo aguzzino e di liberarsi da quello stillicidio.

LEGGI ANCHE Una t-shirt in edizione limitata contro la violenza sulle donne

L’opera, già in fase di lavorazione, ha ricevuto il patrocinio morale della Presidenza del consiglio regionale della Campania, dell’Osservatorio del fenomeno della violenza sulle donne della Regione Campania, della Consulta per la condizione della donna della Regione Campania, della Commissione per l’uguaglianza dei diritti e le pari opportunità fra uomo e donna della Regione Calabria, della Provincia di Caserta e dei Comuni di Caserta e di Capodrise.

© RIPRODUZIONE RISERVATA