Scialli e cravatte, per la Reggia di Caserta
un linea di accessori by maison Cilento

Mercoledì 6 Aprile 2022 di Lidia Luberto
Scialli e cravatte, per la Reggia di Caserta un linea di accessori by maison Cilento


La Reggia come brand per le eccellenze del territorio. Un marchio che è garanzia non solo di bellezza, ma anche di qualità. Così, oltre al vino della «Vigna del re», realizzato dalla Tenuta Fontana, alle «Marmellate delle regine» e alle scorzette candite prodotte con le arance raccolte nel parco a cura delle donne del laboratorio «Le ghiottonerie di Casa Lorena», centro antiviolenza gestito dalla cooperativa Eva, all'«AmaRe» di Petrone, l'amaro delle erbe del Giardino inglese della Reggia, ritornano, dopo quasi tre anni di fermo, gli accessori ispirati alla Reggia e al suo patrimonio, pensati e prodotti dalla maison Cilento.

«A seguito della rinnovata sinergia con la maison M. Cilento & F.llo, già concessionaria del marchio Reggia di Caserta dal 2018, è in fase di ideazione una nuova linea di accessori dedicati alla Reggia e al suo patrimonio artistico e vegetale», annuncia, infatti, un comunicato diffuso dai responsabili del museo. «Ci siamo rimessi all'opera per selezionare nuovi scorci del Palazzo e del Parco che saranno i soggetti di capi per donna, come mantelle e sciarpe. Confermeremo, invece, le decorazioni delle cravatte», spiega Ugo Cilento alla guida dell'azienda, fondata a Napoli nel 1780, che rappresenta un pezzo di storia della moda italiana riconosciuta nel mondo. «La procedura che stiamo adottando è quella di fotografare gli angoli prescelti, di sottoporli all'approvazione della direzione Reggia, di passare alla rielaborazione delle immagini e, quindi, alla loro trasposizione su seta», spiega Cilento. La sartoria napoletana, di cui Ugo Cilento rappresenta l'ottava generazione, sta realizzando, dunque, in stretta collaborazione con la direzione dell'istituto museale, i nuovi capi ispirati alla bellezza del Palazzo e del Museo verde.

LEGGI ANCHE Ingresso gratuito, Reggia di Caserta «sold out», si prenotano in 5mila

«Gli artigiani della maison sono al lavoro per creare accessori versatili, raffinati e contemporanei che porteranno nel mondo elementi distintivi del complesso vanvitelliano. La nuova collezione sarà disponibile dal mese di maggio», annunciano dalla Reggia. Mentre «è già possibile acquistare le cravatte, prodotte interamente a mano» che riportano miniaturizzato uno dei soggetti della Reggia, mentre sul codino, la figura selezionata e il logo sono ricamati in dimensioni più grandi. L'iniziativa, come quelle del vino, delle arance, dell'amaro, tutte targate «Reggia di Caserta», «coerente alla missione di istituto al servizio della società e del suo sviluppo», ha l'obiettivo di essere «al fianco - si legge nella nota - delle eccellenze del territorio per promuovere la cultura in tutte le sue declinazioni».
Insomma, una intelligente operazione di marketing, protagonista la Reggia, cominciata nel 2018, con l'allora direttore Mauro Felicori e proseguita con l'attuale, Tiziana Maffei, finalizzata a promuovere, contestualmente, prodotto e marchio in un circolo virtuoso che potrebbe favorire altre sinergie e collaborazioni.
 

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA