Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Reggia di Caserta, 80 domande
per il primo concorso Museo Verde

Sabato 5 Dicembre 2020
Reggia di Caserta, 80 domande per il primo concorso Museo Verde

Sono oltre 80 le domande di partecipazione pervenute per la prima edizione del concorso della Reggia di Caserta denominato «Creazione Contemporanea & Museo Verde - Wooden Renaissance, a site-specific growth». È scaduto ieri, infatti, il termine per partecipare alla selezione dei tre progetti d'arte da realizzarsi all'interno del Museo verde, mediante l'uso esclusivo, il recupero e la valorizzazione degli esemplari vegetali da abbattere e del legno del Parco Reale. Numerosissimi i creativi che hanno proposto una specifica progettualità da realizzare con le alberature e i materiali legnosi già a terra, o con i tronchi degli esemplari vetusti di Quercus ilex. I vincitori saranno, inoltre, protagonisti del progetto generale che la Reggia di Caserta intende promuovere, nell'ambito bando Pac della Direzione Generale Creatività Contemporanea, in collaborazione con la Direzione Generale Musei del Mibact, per la selezione di opere da inserire nelle collezioni pubbliche italiane.

«L'alto numero di domande arrivate - dice il direttore della Reggia Tiziana Maffei - è il segno di un grande riscontro dal mondo dell'arte per un'iniziativa finalizzata non solo a promuovere la creatività contemporanea, ma anche a stimolare la sensibilità individuale e collettiva sui temi della sostenibilità, del rapporto uomo ambiente e dell'economia circolare in linea con gli obiettivi dell'Agenda 2030». La Reggia di Caserta, in considerazione del valore dell'iniziativa per il futuro sostegno al linguaggio del contemporaneo e dell'eco suscitata, ha nominato una commissione di esperti per la valutazione dei progetti: si tratta di Alberta Campitelli, presidente del comitato tecnico scientifico Musei - Mibact e dell'Accademia di Belle Arti di Roma e vice presidente dell'Associazione Parchi e Giardini; di Adriana Polveroni, giornalista del settore, critica d'arte, docente e curatrice del contemporaneo; Maurizio Reggi, funzionario responsabile della Conservazione e Tutela del Parco di Venaria Reale. Nelle prossime settimane verrà stabilito il calendario delle sedute della commissione per esaminare i lavori presentati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA