Reggia di Caserta, svolta green:
dalle carrozze ai veicoli elettrici

Venerdì 23 Ottobre 2020

Dalle carrozze ippotrainate ai veicoli elettrici: è divenuta realtà la «svolta green» alla Reggia di Caserta. È stato infatti pubblicato dalla direzione del monumento l'avviso «per individuare le ditte da invitare alla gara di appalto finalizzata ad offrire un servizio di trasporto interno al Parco Reale rispettoso dell'ambiente, con l'uso di mezzi elettrici, omologati con conducente». La decisione di «rivoluzionare» il servizio è stata presa dopo la morte tra i viali del Parco reale, il 12 agosto scorso, di un cavallo, colpito da infarto mentre trainava una carrozza. Il direttore Tiziana Maffei sospese subito il servizio, e furono avviate indagini sulle autorizzazioni amministrative in possesso dei titolari degli animali, da cui emersero numerose irregolarità. A quel punto la Maffei ha interrotto definitivamente il servizio di carrozze a cavallo, decidendo di cambiare.

L'affidamento del servizio avverrà per un periodo di sei anni mediante procedura negoziata con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa; tra i requisiti richiesti, un fatturato minimo nell'ultimo triennio, nello specifico settore richiesto dall'avviso, pari ad oltre due milioni di euro (2.250.000 euro), ed esperienza di almeno tre anni. «Il concessionario - si legge nell'avviso - dovrà assicurare, poi, una serie di misure volte a contribuire all'implementazione di sistemi innovativi, in linea con gli standard di un museo internazionale come la Reggia di Caserta, nonché la giusta valorizzazione dell'immagine del Complesso vanvitelliano». In dettaglio, dovrà garantire, «per l'emissione del titolo di viaggio, il pagamento contactless attraverso carte di credito o di debito, smart card, smartphone e altri dispositivi che non richiedano l'inserimento fisico della carta nel lettore e la brandizzazione di tutti i mezzi ad uso esclusivo nella Reggia di Caserta»

© RIPRODUZIONE RISERVATA