Scrive «W la fi***a» sulla facciata della chiesa: denunciato. Ma al prete non basta: «Lo aspetto per una vera confessione»

Mercoledì 5 Agosto 2020 di Claudio Lombardi
Il raid ripreso della videosorveglianza
CASERTA. Segnalato alla Procura per danneggiamenti. Non aveva fatto i conti con l’occhio indiscreto del sistema di videosorveglianza Z.J., 43 anni, del posto. L’altra sera, l’uomo ha pensato bene, si fa per dire, di imbrattare la facciata della parrocchia di Sant’Andrea Apostolo a Capodrise, cittadina del casertano, con la scritta sessista e inneggiante l’organo genitale femminile «W la fi…!». Non contento, ha anche tentato di dare fuoco alla porta in legno dell’ingresso principale.
In poche ore, ripreso dalle telecamere, il 43enne è stato individuato dalla polizia municipale, agli ordini del comandante Clemente Piccolo, e denunciato alle autorità. Pare che l’uomo abbia pure confessato, ma al parroco Giuseppe Di Bernardo non è bastato: «Lo attendo in chiesa – ha dichiarato su Facebook – per la… vera confessione». E per ripulire, con olio di gomito, il marmo, recitando l’Atto di dolore. Ultimo aggiornamento: 17:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA