Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Softlab, quattro ore di sciopero
per i lavori di Caserta e Marcianise

Martedì 14 Giugno 2022
Softlab, quattro ore di sciopero per i lavori di Caserta e Marcianise

I sindacati dei metalmeccanici hanno proclamato quattro ore di sciopero per domani 15 giugno per i lavoratori delle sedi di Caserta e Marcianise dell'azienda di informatica Softlab; è previsto anche un presidio dei lavoratori nella piazza antistante la prefettura di Caserta.

La giornata di mobilitazione è stata indetta, si legge in una nota emessa dalle segreterie casertane dei sindacati Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm e Ugl Metalmeccanici, «alla luce dell'ultimo ritardo sull'erogazione degli emolumenti di maggio, grave non solo per il fatto in se e che si ripete ormai nei mesi, ma perché ad oggi non sappiamo ancora in quale data l'azienda provvederà a saldare la mensilità. A questo si aggiunge, oltre al già cospicuo numero di persone in Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria a 0 ore, il continuo rilascio di personale su commesse storiche che facevano lavorare un gruppo nutrito di persone e gli annosi ritardi sui versamenti dei contributi Inps e Contributi Fondo Cometa (e privati) che stanno facendo alzare i livelli di esasperazione dei lavoratori in maniera vertiginosa». I sindacati parlano di «situazione drammatica che va deteriorandosi di mese in mese», e chiedono «la convocazione del tavolo di monitoraggio al Ministero per lo Sviluppo Economico già sollecitato dalle segreterie territoriali e nazionali».

Video

La Softlab è una delle aziende che ha sfruttato maggiormente il processo di ricollocazione dei dipendenti della Jabil, la multinazionale dell'elettronica con sito produttivo a Marcianise che da quasi tre anni ha avviato un sostanzioso piano di esuberi; la Softlab ha assunto infatti quasi 300 lavoratori fuoriusciti da Jabil, ma la maggior parte di loro è poi finita in cassa integrazione, senza quasi mai essere concretamente impiegati.

Ultimo aggiornamento: 12:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento