Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Misteriosa strage di cani
nelle campagne di Mondragone

Martedì 22 Dicembre 2020 di Pierluigi Benvenuti
Misteriosa strage di cani nelle campagne di Mondragone

Misteriosa strage di cani prima uccisi e poi abbandonati per le strade e le campagne di Mondragone. E' di ieri pomeriggio l'ultima macabra scoperta, in località Stercolilli a due passi dal mare. Abbandonati in delle scatole di cartone c'erano tre cuccioli; accanto avevano ancora le ciotole per la pappa. Due degli animali erano già morti quando Gianfranco Esposito, un volontario che dedica una parte delle sue giornate alla cura dei randagi, è giunto sul posto, avvisato da alcuni passanti. Il terzo cagnolino è in cura presso una clinica veterinaria di Spigno Saturno e le sue condizioni sono molto gravi.

La scorsa settimana, sempre nella zona di Stercolilli, è stato rinvenuto un pit bull privo di vita. In precedenza, nei pressi del cimitero, una cagnolina è stata trovata legata ad un cancello con una corda al collo ed è stata salvata in tempo dalla morte per asfissia. Cosa che invece non si è riusciti a fare per un altro cane trovato da un passante in un terreno di via Padule appeso ad un albero con una corda, addirittura sembra comprata per l’occasione. Numerosi anche i gatti avvelenati. La lista dei macabri episodi ai danni degli animali domestici si allunga ogni giorno di più. E spesso sono proprietari senza scrupoli a liberarsi in questa maniera crudele di esemplari anziani o di cuccioli che non sanno come collocare. «Sono anni che sul territorio si abbandonano i cani senza che nessuno intervenga. Dispiace dirlo, ma a Mondragone sembra si stia regredendo di anni in termini di pietas umana e di civiltà», è lo sconfortante messaggio lanciato da Gianfranco Esposito.

Ultimo aggiornamento: 14:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA