Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Teano, chiede un chiarimento: medico
di guardia aggredito durante il turno

Domenica 5 Giugno 2022
Teano, chiede un chiarimento: medico di guardia aggredito durante il turno

l Consiglio Direttivo dell'Ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Caserta, in una nota, esprime «vicinanza e solidarietà» ad un collega «per la vile aggressione subita presso il presidio di Continuità assistenziale di Teano durante il turno di guardia». «Un altro episodio si aggiunge ai tanti già segnalati in ambito regionale. Un collega è stato aggredito verbalmente e fisicamente per aver semplicemente chiesto a un paziente, che si è presentato presso l'ambulatorio di guardia medica, delucidazioni relative a una prescrizione di antibiotico. Il paziente, in presenza di altre persone, ritenendo che la prescrizione fosse un suo diritto senza dover produrre spiegazioni, si è avventato contro il sanitario che ha riportato contusioni», si legge ancora nota.

Video

Il professionista è stato medicato al vicino nosocomio e stamane, ha ripreso a lavorare. «Il collega mi ha detto che il danno morale e psicologico lo ha provato molto più del danno fisico. La violenza subita non lo fermerà e continuerà a lavorare con la stessa passione e con lo stesso rigore che ha dato fino a oggi. Certamente questi gesti non hanno giustificazione, vanno condannati sempre. Aspettiamo fiduciosi che la giustizia faccia il suo corso, ma tutti dobbiamo prendere atto che è ora di intervenire in maniera decisa. Da troppo tempo si parla delle aggressioni agli operatori sanitari, è stata istituita la Giornata Nazionale, ma serve qualcosa di concreto se vogliamo veramente mettere la parola fine», scrive, invece, la presidente dell'Ordine Maria Erminia Bottiglieri.

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA