Terna, investimento da 14 milioni
nel Casertano per la rete elettrica

Sabato 4 Dicembre 2021
Terna, investimento da 14 milioni nel Casertano per la rete elettrica

Terna, in seguito all'avvio del procedimento autorizzativo da parte del ministero della Transizione Ecologica per la realizzazione di nuovi raccordi aereo/cavo a 150 kV alla Cabina Primaria di Suio dall'elettrodotto «SE Ceprano - SE Garigliano» nel comune di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, pubblica l'avviso con l'elenco delle particelle relative alle aree potenzialmente interessate dalla costruzione delle nuove opere.

La nuova infrastruttura, per la quale Terna investirà circa 14 milioni di euro, connetterà la Cabina Primaria in questione a un livello superiore di tensione e garantirà il miglioramento della qualità del servizio di fornitura di energia elettrica e una maggiore efficienza della rete. L'intervento prevede la realizzazione di due raccordi aerei aventi uno sviluppo complessivo di oltre 2 km, 1,2 km lato Stazione Elettrica di Garigliano e 1 km lato Stazione Elettrica Ceprano. In aggiunta, sarà realizzata una coppia di cavi interrati con isolamento in XLPE - tecnologia più efficiente e avanzata che necessita di minore manutenzione - di quasi 4 km ciascuno che arriveranno alla Cabina Primaria di Suio.

I cittadini, e in particolare i proprietari delle particelle potenzialmente interessate dalle nuove opere, possono prendere visione del progetto presso il Ministero della Transizione Ecologica e il Comune di Sessa Aurunca. Entro il termine di 30 giorni dalla pubblicazione dell'avviso, è possibile anche presentare osservazioni scritte al sopra citato Ministero e a Terna Rete Italia (dipartimento-sud pec.terna.it.) Terna, che a livello regionale gestisce circa 3.500 km di linee in alta e altissima tensione e 60 stazioni elettriche, nell'ambito del Piano Industriale 2021-2025 «Driving Energy», investirà in Campania oltre 1 miliardo di euro per lo sviluppo e la resilienza della rete elettrica regionale, in funzione della transizione energetica di cui l'azienda è protagonista. Il piano di interventi previsto coinvolgerà oltre 350 imprese e 1500 addetti alle lavorazioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA