Le tombe di rifiuti intralciano
i cantieri della tratta ferroviaria

Lunedì 13 Gennaio 2020 di Giuseppe Miretto
Troppi rifiuti sepolti ostacolano l'avanzamento della nuova linea ferroviaria Bari-Napoli. Si lavora anche di domenica per salvaguardare l'attività ordinaria dei cantieri. Ieri, le imprese autorizzate da Rfi hanno messo in campo una vera e propria task force straordinaria: scavatori, personale e Tir telonati per la rimozione selettiva dei rifiuti speciali inumati sotto forma di plastica, rifiuti solidi urbani, scarti di lavorazioni.

LEGGI ANCHE Emergenza rifiuti, la protesta di 59 sindaci del Napoletano: «Disagi allo Stir di Tufino, colonne di camion in fila»

Mezzi d'opera al lavoro per sgombrare i terreni limitrofi all'Appia. Mentre l'amianto, raccolti in sacchi a norma detti big bang, è stato stivato in un'area recintata. Si attendono le valutazioni, anche dell'Arpac, per l'allontanamento verso discariche autorizzate. Si tratta di un grande accumulo, prodotto negli anni, composto da tubi, canne fumare e eternit ondulate prevalentemente ridotte in brandelli. La rimozione è molto più complicata de previsto per il rispetto del rigido disciplinare ambientale. L'operazione sconcerta il sindaco Andrea De Filippo.

«Negli stessi luoghi commenta- solo spostandosi di qualche centinaio di metri in linea d'aria, l'amministrazione è stata costretta ad intervenire nelle scorse settimane per ripulire le strade da cumuli di rifiuti ed ingombranti di ogni genere che invadevano la carreggiata in via Lamia, a pochi passi dalle abitazioni, con grave rischio per la salute pubblica». La situazione sta assumendo dimensioni surreali: nei medesimi spazi o comunque lungo lo stesso tracciato, Rfi ha rinvenuto importanti vestigia archeologiche: ampi tratti dell'Appia antica, una necropoli intatta e molte tombe. «In contemporanea ripete il sindaco- mentre si riscrive la storia antica del nostro territorio, affiora anche quella recente. Ed è una storia sconcertante: il nostro sottosuolo, grazie alla mancanza di controlli e a imprenditori senza scrupoli, è stato disseminati di cimiteri di veleni. Non c'è area che ne sia immune». E infatti, lungo tutti i terreni espropriati da Rfi è stato necessario effettuare bonifiche come in via Lima dove sorgerà il raccordo dei nuovi binari con la linea storica Caserta-Napoli. Il rinvenimento, inatteso nelle proporzioni, ha mobilitato l'Ufficio ecologia e l'Ufficio tecnico del Comune di Maddaloni. Ma ha generato anche sconcerto in chi in quelle zone ci vive.

«Sta affiorando commenta Gaetana Crisci (consigliere comunale di Campania in Movimento)- l'effetto dell'omertà e dell'ignoranza di chi, probabilmente negli anni '90 e a seguire, ha permesso, per pochi spiccioli che nei propri terreni venissero interrati tonnellate di rifiuti tossici. Mi auguro che queste persone ritrovino il buon senso costituendosi e indicando agli inquirenti altri cimiteri sotterranei. Ma tutto questo non succederà perché in Italia e in particolar modo a Maddaloni esiste un principio onnipresente che sembra aver preso i caratteri di virtù: l'Omertà. Omertà dei cittadini, omertà della politica, omertà dei tecnici, omertà dei padri di famiglia». E proprio perché il silenzio regna sovrano, dalle opposizioni arriva la proposta di «riattivare la Consulta dell'Ambiente (aperta alla società civile), l'unico organo davvero legittimato a costituirsi come parte civile in un eventuale processo e una vera sensibilizzazione della nostra comunità». © RIPRODUZIONE RISERVATA