Tempi troppo lunghi in cancelleria,
ira degli avvocati e arriva Bonafede

Martedì 15 Settembre 2020 di Marilù Musto

L'organizzazione di accesso alle cancellerie funziona con le prenotazioni e i tempi di attesa sono di sette, otto giorni nel tribunale di Santa Maria Capua Vetere, a causa dell'emergenza Covid. Se sono previste udienze, poi, l'accesso in cancelleria è reso molto complicato. Al netto di questi problemi, l'ufficio di sorveglianza di Santa Maria è aperto solo due giorni a settimana e l'unep - ufficio notifiche di atti giudiziari- è sovraffollato e situato in degli uffici piccoli. Eppure, questo è l'avamposto della lotta alla criminalità organizzata, è la sede dove è stato celebrato il maxi-processo Spartacus e il procedimento per l'omicidio di Imposimato, il fratello del giudice. 

LEGGI ANCHE Salerno, tamponi e prelievi nella clinica mobile, prima fila di avvocati

Di questi problemi, ma anche di altro sì è occupato il ministro Alfonso Bonafede durante una visita a sorpresa nel tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ufficio fra i più importanti dell'intera Regione ma sottodimensionato in termini di personale. "Santa Maria deve tornare a essere centrale, è un tribunale che ha la sua importanza e centralità, non si possono scontare problemi così elementari, la giustizia deve andare avanti", ha spiegato Francesco Petrillo, presidente della Camera Penale. 

Il ministro

«Abbiamo cominciato questo tour in tutti gli uffici giudiziari per iniettare nuove energie e stiamo agendo sulle piante organiche della magistratura. Trentatrè nuovi magistrati sono stati assegnati al distretto di Napoli», ha spiegato Bonafede. 
 

Video

Ultimo aggiornamento: 18:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA