Agenzia riscossione trattiene soldi
tasse: due arresti e maxi sequestro

di Mary Liguori

L’indagine era partita per l’ipotesi di truffa, ma sono finiti ai domiciliari per peculato i titolari della Centro Servizi Italia, agenzia di riscossione tributi che ha gestito il servizio riscossione per il Comune di Maddaloni e molti altri enti locali in provincia di Napoli e Caserta.
Secondo l’indagine coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere diretta da Maria Antonietta Troncone, pm Domenico Musto, il Csi ha trattenuto il denaro versato dai cittadini provocando un danno erariale al Comune e facendo risultare morosi centinaia di utenti. 
Per questa ragione sono ai domiciliari da questa mattina gli imprenditori  Angelo Calabrò e Francesco D’Alonzo, titolari del Centro Servizi Italia. Intanto i carabinieri di Maddaloni, coordinati dal capitano Stefano Scollato, stanno eseguendo un sequestro per equivalente per centinaia di migliaia di euro. 
Il denaro trattenuto e non versato agli Enti locali è relativo alla Tarsu e al canone idrico per il periodo compreso tra il 2011 e il febbraio 2017. 
L’inchiesta riguarda anche la sosta a pagamento, settore in cui la stessa agenzia avrebbe adoperato una gestione truffaldina ai danni di Comuni e contribuenti. 
Il Gip ha ordinato anche il sequestro a carico degli indagati della somma di 129mila euro, sebbene i soldi non versati al Comune, secondo la Procura, ammonterebbero ad oltre un milione di euro; non sarebbe stata però fornita la prova di quanti soldi sarebbero effettivamente trattenuti illecitamente ogni anno. La Csi, con sede a Maddaloni, ha attualmente 200 dipendenti e negli ultimi mesi si è occupata di vigilanza, ma in passato ha gestito la riscossione, oltre che a Maddaloni, in altri comuni del Casertano e del Napoletano, dove gli inquirenti ritengono che la Csi possa aver compiuto lo stesso raggiro. 
Lunedì 16 Luglio 2018, 11:13 - Ultimo aggiornamento: 16-07-2018 11:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP