Violenza sessuale di gruppo a Maddaloni,
stuprata disabile, una donna nella gang

Lunedì 25 Gennaio 2021 di Mary Liguori
Violenza sessuale di gruppo a Maddaloni, stuprata disabile, una donna nella gang

Hanno sequestrato una 22enne disabile, l'hanno stuprata e hanno filmato le violenze, poi si sono scambiati tra loro i video dell'orrore. Con queste accuse, due uomini e una donna sono stati arrestati stamane dalla squadra mobile di Caserta e dagli agenti del commissariato di Maddaloni al termine di una delicata indagine coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere. 

Le indagini sono partite dalla denuncia del papà della vittima che si è rivolto alla polizia quando la figlia è scomparsa di casa. Sono così partite le ricerche, ma la giovane è tornata a casa, accompagnato da uno dei tre, solo alcuni giorni dopo. Dopo la segnalazione e l'identificazione dei responsabili del sequestro e delle violenze, la polizia ha recuperato i video dello stupro e altri filmati in cui i tre indagati cercavano di costringere la vittima ad accusare suo padre degli abusi. 

Secondo quanto accertato, la 22enne, affetta da problemi cognitivi, è stata sequestrata e costretta a seguire i tre in casa di uno di loro, nella zona di Maddaloni (in provincia di Caserta). Qui le hanno sottratto il cellulare, poi l'hanno picchiata con un bastone di legno e stuprata. Un incubo non privo di strascichi vista l'esistenza dei filmati. Ma proprio quei video - ritrovati sui cellulari dei tre indagati - hanno finito per incastrare il trio. 

La giovane vittima è già stata interrogata con le modalità protette e il supporto di una psicologa e ha confermato le violenze subite. 

I tre - V.M. di 40 anni, C.F. di 34 anni e I.P. di 64 anni - sono stati rinchiusi nei penitenziari di Santa Maria Capua Vetere e Pozzuoli. Rispondono di sequestro di persona, violenza sessuale di gruppo, lesioni, revenge porn e stalking.

Ultimo aggiornamento: 16:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA