Andrea Camilleri in condizioni critiche. I medici: «Attaccato alle macchine per respirare»

Andrea Camilleri in condizioni critiche. I medici: «Attaccato alle macchine per respirare»
ARTICOLI CORRELATI
5
  • 492
Andrea Camilleri è ricoverato in codice rosso all'ospedale Santo Spirito di Roma. Lo scrittore, che compirà 94 anni a settembre, è in rianimazione dopo un arresto cardiaco. Per i medici, che hanno emesso nuovo bollettino medico alle 17, il quadro generale è «molto serio». Lo scrittore è attaccato a un macchinario che lo aiuta a respirare. È quanto emerge dal bollettino diffuso dall'ospedale Santo Spirito di Roma, dove lo scrittore è ricoverato in rianimazione da questa mattina per un arresto cardiaco. «Lo scrittore è arrivato con un arresto cardiocircolatorio -si legge nel bollettino- In pronto soccorso è stata praticata la rianimazione cardiorespiratoria che ha permesso il ripristino dell'attività cardiocircolatoria. Camilleri è in rianimazione con supporto respiratorio meccanico e supporto farmacologico. Sono in corso ulteriori accertamenti per proseguire l'iter diagnostico e terapeutico». La prognosi resta dunque riservata.

Fiorello fa gli auguri a Camilleri: «Avanti maistru... fozza susemini!!!»
 



Roberto Ricci direttore del Dea Dipartimento di Emergenza e Accettazione dell'ospedale

In mattinata il ricovero. «La prognosi è riservata», ha detto Roberto Ricci direttore del Dea dell'ospedale Santo Spirito di Roma, incontrando la stampa. «Questa mattina lo scrittore Andrea Camilleri è stato trasportato dal sistema di emergenza medica 118 al Pronto Soccorso dell'ospedale Santo Spirito dalla sua abitazione, per arresto cardio-respiratorio - ha aggiunto Ricci leggendo il bollettino medico - Il paziente è stato sottoposto a rianimazione cardio-respiratoria con ripristino dell'attività cardio-circolatoria». Attualmente è ricoverato nel Centro di Rianimazione dell'ospedale, «in assistenza ventilatoria meccanica e supporto farmacologico».

L'inventore del Commissario Montalbano, autore bestseller, si stava preparando per essere per la prima volta alle antiche Terme di Caracalla, il 15 luglio, con lo spettacolo che racconta la sua Autodifesa di Caino. «Se potessi vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio 'cuntò, passare tra il pubblico con la coppola in mano» ha detto più volte Camilleri. 

Andrea Camilleri dalla cattedra a Montalbano
Matteo Salvini: «Camilleri dice che io con il rosario faccio vomitare? Scrivi che ti passa»
Andrea Camilleri e l'appello profetico agli italiani: «Non abbiate paura»
 
Lunedì 17 Giugno 2019, 11:28 - Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 07:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-06-17 23:46:48
Iniziava a dire un sacco di sciocchezze senza senzo
2019-06-17 15:46:43
è colpa di Salvini
2019-06-17 14:43:28
Beh proprio tanti forse no!!! Qualche capitano magari la pensa diversamente!!!
2019-06-17 13:55:26
No, non é giusto, già in settimana ci ha lasciati Zeffirelli... Dai che sei grande e devi farcela!!!
2019-06-17 12:21:50
Forza Andrea, pensa che siamo sicuramente in tanti a fare il tifo perché tu ti riprenda presto: l'Italia ha ancora molto bisogno di uomini come te e delle belle storie che sai raccontarci!

QUICKMAP