Bonus cultura, quei manuali delle bestemmie nella categoria Top di Amazon

Giovedì 3 Dicembre 2020 di Valentino Di Giacomo
Bonus cultura, quei manuali delle bestemmie nella categoria Top di Amazon

Comprare un manuale di bestemmie grazie al Bonus Cultura. Può sembrare incredibile, ma è quello che accade su Amazon dove alcuni discutibili libri sono venduti anche grazie agli incentivi del governo. La blasfemia finisce addirittura nella categoria «Satira» su Amazon, lo store online più utilizzato nel web. Ingiuriare Dio viene così fatto passare come qualcosa di divertente, un innocuo passatempo e, magari, pure come regalo idoneo da fare per il prossimo Natale. Ed è così che alcuni tomi che la maggior parte delle librerie non vendono oppure conservano in qualche corridoio meno battuto dai clienti sono distribuiti con gran successo online. Il libro con la «Raccolta delle migliori bestemmie di sempre» è finito persino al primo posto nella categoria «Satira» del market di Jeff Bezos. Gettonatissimo anche «Il grande libro della Bestemmia» che già nell'immagine di copertina ingiuria l'Altissimo. Eppure, l'anomalia più evidente, non è neppure che questi libri siano venduti su Amazon, ma che questi prodotti possano essere comprati con i Bonus Cultura e i Bonus Carta del Docente. «Questo articolo viene indicato online è acquistabile con i bonus del governo dedicati ai ragazzi diciottenni e ai docenti». Se dubbio è il buon gusto di questi libri, è sicuro che questa collezione è di quanto più lontano possa esserci dal materiale educativo o didattico per cui sono stati ideati i bonus del governo.

Accurata è la descrizione di Amazon di questi tomi blasfemi. «Si tratta è scritto sullo store alle descrizioni di uno dei due libri di una raccolta di più di mille bestemmie differenti, proverbi blasfemi e poesie bestemmiose. Vuoi diventare un perfetto miscredente? Questo è il libro che fa per te! Grazia il Signore bestemmiandolo al meglio, compra questo libro!». La descrizione dell'altro tomo in vendita, quello al primo posto nella categoria best-seller, è se possibile ancora più esplicito. «Vuoi farti un regalo ed eliminare lo stress? Hai trovato il libro magico che fa per te! Non importa se sei bianco o nero, maschio o femmina, ci sono momenti in cui l'unica cosa che ti può far veramente bene è una bestemmia, detta con potenza e urlata fino alle orecchie di Dio e della sua compagnia bella. Miliardi di persone in tutto il mondo ne testimoniano gli effetti benefici. Aiutati che la bestemmia ti aiuta. Anche per un regalo unico e sempre gradito».

Se alcuni utenti che hanno acquistato il prodotto hanno trovato in questi libri ciò che cercavano, altri ritengono che Amazon non ci fa una gran figura nel vendere questo tipo di prodotti, tanto più nell'assimilare la blasfemia alla satira. «Una vergognosa schifezza scrive uno dei clienti è vergognoso che Amazon si presti alla diffusione di libri blasfemi e schifosi». E c'è persino chi lo ha acquistato ed è rimasto deluso, sperando di trovarci frasi ancor più volgari o offensive: «Soldi buttati, una perdita di soldi scrive nella sua recensione Roberto, che pubblica anche un video che ben mostra il prodotto mio figlio ne sa di più e più articolate, è solo un elenco di parole a caso messe davanti al Signore ecc.». E così anche altri utenti che hanno recensito le opere restandone delusi o entusiasti. I titoli incredibili delle recensioni hanno in sequenza: «Buono, ma migliorabile», «Bestemmie poco cattive», ma anche «La Bibbia del Veneto» o «Un libro fantastico». 

Polemiche su come gli store online accettino il bonus cultura anche per prodotti di dubbio valore didattico erano già scoppiate in passato. Tutto lecito da parte di Amazon che pure qualche tempo fa aveva inserito per l'acquisto con i bonus gli oggetti più disparati (poi ha corretto il tiro): dalle tazzine da caffè a giochi e pupazzi fino addirittura alle trousse per il trucco. Dovrebbe essere però il ministero dell'Istruzione a definire meglio e stringere le maglie su cosa può essere considerato un prodotto utile all'apprendimento o all'educazione. Per riparare, almeno, sempre su Amazon ovviamente disponibile con i bonus è disponibile un manuale su come smettere di bestemmiare scritto da un sedicente prelato. Peccato che pure questa opera irride la blasfemia. La vera bestemmia, probabilmente, è che queste amenità siano pagate anche con le tasse dei cittadini.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA