Capitan Napoli combatte al Comicon: appuntamento alla Mostra d'Oltremare

di Erminia Pellecchia

«Curre curre guaglio'», il classico dei dei 99 Posse e grido di battaglia di Capitan Napoli sarà uno degli slogan del «Napoli Comicon» numero 21 in agenda dal 25 al 28 aprile alla Mostra d'Oltremare.

Già, Nino, il supereroe di Forcella che lotta contro la camorra e il malgoverno sarà una delle guest star glocal della megakermesse partenopea del fumetto e dintorni, ormai tra le più prestigiose, e frequentate, del Belpaese. E, con lui, ci sarà l'intera squadra dei Capitani Italiani creati da Fabrizio Capigatti per Venezia Comix: Capitan Venezia presente con l'avventura in bianco e nero «Il buio dentro», Capitan Padova, Capitan Palermo. Superpoteri e nemici diversi, stessi valori: coraggio, passione, perseveranza, attitudine e cuore.

Il valore in più, quello che fa la differenza con i miti d'oltreoceano che esistono solo nell'immaginario collettivo, è che questi supereroi vivono tra di noi e combattono ingiustizie del quotidiano.

È un'emozione fortissima per il team dei Capitani Italiani, anche perché, in fiera, dopo il successo del numero zero di Capitan Napoli (sold out in un giorno e mezzo) sarà presentato l'albo speciale «Capitan Napoli Vs Comicon» edizione limitata e copertina bianca - che vedrà Nino & C. battersi proprio tra gli stand del festival.

Top secret la trama, ma Antonio Sepe, sceneggiatore della saga partenopea, regala qualche anticipazione: «All'interno ci saranno parecchi volti nomi del Comicon, nel volume abbiamo immortalato luoghi e situazioni reali e ci saranno parecchi riferimenti ai cosplayer che affollano ogni anno la Mostra. C'è attesa, tornare quest'anno mi fa tremare ancora di più le gambe, ma sono felicissimo perché sarà l'occasione per far conoscere ad un pubblico di affezionati che cresce sempre di più il numero 1, uscito allo scorso Lucca Comics». Nell'albo si vedeva Napoli in un futuro non troppo lontano dove Pasquale De Andrea, vinte le elezioni regionali, impone alla città il suo potere, e i suoi traffici di rifiuti illetici. Si sente il padrone della metropoli, anzi «'o mast», ma a salvare la città arriverà... Capitan Napoli.

La collaborazione di Capitani Italiani con Comicon Napoli è nata proprio a Lucca, al festival per eccellenza dell'universo a strisce e nuvole: «Un incontro splendido con Alino, tra i responsabili della manifestazione napoletana», dice un Capigatti al settimo cielo: «I supereroi di VeneziaComix hanno raggiunto vette inaspettate, tanto che stiamo pensando a nuove città e nuove storie».

E si sussurra di un vicino debutto di Capitan Salerno, probabilmente a firma della stessa équipe che lavora alle vicende del giustiziere nato all'ombra del Vesuvio. La formazione di mister Sepe è assolutamente cool: tra i disegnatori di Capitan Napoli ci sono il bonelliano Luca Maresca, fresco di Marvel e Spiderman, Viska che sta riscuotendo onori negli States con «Army of darknes Vs Bubba Ho Tep» della Idw. Su tutti il «padrino» dell'intera operazione, Pasquale Qualano, autore della copertina di «Kiss: the end» per Dynamite Entertainment, miniserie scritta da Amy Chu e disegnata da Edu Menna in occasione dell'ultimo tour della band di hard rock mascherato. Con la new entry, per gli interni della colorista Francesca Carotenuto e di Antonio Esposito, letterista per l'Italia dei supereroi Dc Comics.
Martedì 26 Marzo 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP