Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Torna la nuova edizione «Pompei, mestieri e botteghe 2000 anni fa» di Carlo Avvisati

Martedì 5 Luglio 2022
Torna la nuova edizione «Pompei, mestieri e botteghe 2000 anni fa» di Carlo Avvisati

Quali e quanti mestieri si facevano a Pompei, 2000 anni fa? Quali erano le botteghe che in quella città venivano aperte, ogni giorno, da una folta schiera di schiavi, liberti, piccoli artigiani. E, quali erano i nomi, i cognomi e i soprannomi di sarti, panettieri, attori, gladiatori, fabbri, muratori, prostitute, usurai e manutengoli, ovvero di tutta la varia umanità che a Pompei rendeva possibile, con i limiti e i problemi, la vita giornaliera di un centro romano del I secolo dopo Cristo? Di più. Come morì, quella cittadina, assieme a Ercolano, Oplontis, Stabiae, quando il Vesuvio, nell'anno 79, esplose, azzerando la vita su un'area vasta quasi quanto un quarto dell'attuale Campania?

Carlo Avvisati, giornalista esperto di archeologia vesuviana, risponde a ogni interrogativo e lo fa con una narrazione dei fatti che aspira ad essere scientificamente corretta e portata avanti con stile giornalistico. Torna così in libreria, con una moderna veste grafica e un'accattivante copertina, la nuova edizione di «Pompei, mestieri e botteghe 2000 anni fa» impreziosita dalle prefazioni - presentazioni di due grandi archeologi pompeianisti, Stefano de Caro e Andrew Wallace-Hadrill. Completamente rivisto e aggiornato, il saggio, che è edito da Scienze e Lettere (già Bardi Editore) pur essendo un lavoro scientifico, è tuttavia scorrevole nella descrizione di fatti e argomenti, ragion per cui è diretto tanto agli specialisti di settore quanto al lettore comune. Difatti, Avvisati, che si sofferma e dà notizia sulle nuove scoperte effettuate nella Regio V, pezzi di città venuti alla luce in seguito agli scavi dettati dagli interventi di messa in sicurezza con i fondi Ue del Grande Progetto Pompei, prende per mano chi legge e lo accompagna, con passo cadenzato, tra botteghe e venditori, nei teatri e tra i gladiatori, nei postriboli e tra le bettole delle stradine del centro o nelle accorsate tavole calde delle grandi arterie cittadine, fino al refrigerio nelle terme, aprendogli una sorta di «porta del tempo» che, una volta varcata, gli fa rivivere la vita frenetica e operosa dei pompeiani di 20 secoli fa.

Video

Stefano De Caro nella sua significativa presentazione ammette che «Carlo Avvisati, che pure si muove nella tradizione della pompeianistica, riesce a sfuggire a questa deriva sia facendo ampio ricorso ai repertori generali di antichità romane sia, e soprattutto, grazie alla poesia. Come i personaggi che descrive nei suoi versi i suoi Pompeiani non pretendono di farsi modelli di storia e neppure di microstoria locale: raccontati con elegante leggerezza venata di ironia, sono semplicemente uomini e donne, cui toccò di vivere sotto il Vesuvio in un momento drammatico, con affetti e sentimenti umani, e perciò eterni». E così che, assieme agli altri, prendono corpo e dimensione Januarius il bagnino, custode delle terme di Marco Crasso Frugi; Pudens e Verecundus, pasticcieri ambulanti con licenza rilasciatagli dall'assessore in carica; la foeneratrix (strozzina e usuraia) Faustilla che dava soldi con interesse del 30 per cento della somma prestata.

E, ancora il lanifricarius: cardatore, lisciatore della lana; il lanternarius: reggitore di lanterna; il librarius: rilegatore di libri; il pomarius: fruttaiolo; il putiarius: pozzaro, scavatore di pozzi neri; il saccarius: facchino; i salinensis: fornitori e produttori di sale e le lupae, le prostitute che lavoravano nei diversi postriboli cittadini. «È a questo stuolo di persone che Carlo Avvisati - sottolinea nella sua prefazione l'archeologo Andrew Wallace-Hadrill - ha rivolto la sua attenzione, comprendendo, con l'istinto di un giornalista, che le realtà della vita emergono da una serie di istantanee. Gli studiosi sono ora davanti a una sfida: superare il loro disprezzo e studiare più sistematicamente le ricche testimonianze sulla vita commerciale che Pompei offre. Frattanto, i visitatori dell'antico sito profitteranno grandemente della vivace evocazione dell»umile vità romana offerta da questo volume

© RIPRODUZIONE RISERVATA