Il premio Francesco De Sanctis
a Claudio Gubitosi: premiazione lunedì

Il premio Francesco De Sanctis a Claudio Gubitosi: premiazione lunedì
Venerdì 30 Settembre 2022, 13:10
3 Minuti di Lettura

«Indubbiamente, tra i tanti riconoscimenti che ho ricevuto a livello culturale, il “Premio Francesco De Sanctis per la Salute Sociale” mi inorgoglisce perché viene sottolineata la grande attività sotto l’aspetto sociale svolta in questi 53 lunghi anni» questo il commento del direttore di Giffoni, Claudio Gubitosi, alla notizia della vittoria del "premio Francesco De Sanctis" per l’area esperienze e buone pratiche.

La consegna del premio si terrà il prossimo 4 ottobre presso la sede del consiglio di stato al palazzo Spada di Roma.

Il premio, istituito nel 2021 dalla fondazione De Sanctis, fa riferimento ad un concetto di salute molto ampio e che va al di là della mera assistenza sanitaria e si rivolge ad attività che abbiano tra le proprie finalità il miglioramento della qualità della vita delle persone attraverso la promozione di azioni e di servizi di prossimità ad alto coinvolgimento sociale. E’ evidente come questo approccio che il premio vuole valorizzare sia perfettamente aderente a quello che Giffoni fa, realizza e produce da oltre cinquant’anni.

«Penso alla volontà forte di stare vicino ai ragazzi, specie in un momento delicato come il primo lockdown, alla determinazione con la quale mi sono speso per non far mancare l’appuntamento con la 50esima edizione del festival nel 2020. Da sempre, al di là delle candidature e dei giurati presenti, volgo lo sguardo alle famiglie, ai ragazzi e alle ragazze che necessitano di Giffoni».

Sono diversi, infatti, i progetti che Giffoni porta avanti pensati per i giovani come "Sedici Modi di Dire Ciao" al lavoro costante per combattere la povertà educativa, o ai lavori con gli ospedali come il Santobono e il Bambino Gesù.

Video

«Tutti motivi che spingono da 20 anni a sottolineare la necessità che Giffoni venisse guardato con attenzione e sostenuto anche dal ministero della Salute per il suo apporto continuo sulla gioventù e di conseguenza anche sulle famiglie» continua Gubitosi, «per questo motivo, questo riconoscimento mi emoziona». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA