Napoli, l’opera prima di Enzo Leomporro degli Audio 2

Presentato al Mavv Wine art Museum il libro "Acqua e sale"

La locandina della presentazione
La locandina della presentazione
di Vincenzo Cimmino
Mercoledì 10 Gennaio 2024, 21:25
3 Minuti di Lettura

Si è tenuta oggi, mercoledì 10 gennaio alle ore 16, la presentazione del libro "Acqua e Sale" di Enzo Leomporro. L'autore, già membro fondatore degli Audio 2, ha presentato la sua opera prima al Mavv Wine art Museum presso la Reggia di Portici.

Leomporro, dopo aver raccontato la sua storia artistica ultratrentennale, ha dato il via a un dibattito moderato da Andrea Lybra, produttore discografico ed artistico del gruppo Enjoy Milano produzioni. Un salotto in cui sono stati raccontati aneddoti e cantati alcuni dei brani più famosi del duo. Capo ufficio stampa è Daniela Del Prete.

Il titolo del libro, "Acqua e sale", richiama anche il celeberrimo brano scritto da Leomporro e Donzelli per Mina e Celentano nel 1998.

Nell'opera Leomporro racconta della sua infanzia a Napoli, dei suoi inizi nel mondo della musica e del successo. Tutto ha inizio quando Enzo e Gianni Donzelli, gli Audio 2, riescono a fare arrivare una loro canzone a Mina.

Mina scelse subito di registrare "Neve". Leomporro e Donzelli collaborarono poi con Leonardo Pieraccioni, per il quale firmarono la colonna sonora del film "I laureati". Il passo successivo fu con Massimiliano Pani e la vittoria del loro primo Telegatto. Arrivò poi il Disco di platino per il brano "Alle venti".

«Il titolo “Acqua e sale”, oltre che per la famosa canzone scritta per Mina e Celentano, – dichiara Enzo Leomporro, autore e protagonista della giornata – è stato scelto come emblema delle mie vicissitudini. Mi rappresenta oltre che musicalmente anche sentimentalmente. Secondo me l’acqua sono le cose belle, il sale le cose brutte che arrivano a tutti nella vita, prima o poi. Fa parte del gioco. Quindi ho scelto questo titolo. Non si parla solamente della canzone, ma di tutto. È la mia vita romanzata, ecco perché ho voluto pubblicare il libro. Molti amici intimi mi dicevano, una volta ascoltata la mia storia, che era un romanzo. Ci ho creduto davvero e mi sono detto ora ci provo. Quando parlo di mia figlia e di alcuni eventi privati mi emoziono. Li ho scritti col cuore. La cosa che mi stupisce è la risposta dei lettori, l'emozione che è riuscita a passare. Non sono uno scrittore, non credevo di poterlo essere, di poter scrivere più di tre pagine. Al massimo, proprio come scrittore di canzoni, pensavo di potere arrivare giusto alle tre pagine. Nel libro, invece, sono riuscito a scrivere di più, ad essere più prolisso, una mia vera e propria paura. La soluzione è venuta spontanea: ho cambiato tattica. Ho pensato di raccontare, come se stessi raccontando a degli amici. Probabilmente una carta vincente, altrimenti mi sarei fermato dopo le tre pagine».

«Enzo adesso ha scritto anche un libro. – scrive Leonardo Pieraccioni in una delle prefazioni del libro – Io non so com’è come scrittore, ma se gli fosse venuto un libro come le sue canzoni allora non gli resta altro che depositarlo alla Siae e cantarcelo tutto in un concerto infinito».

Sono stati partner dell'evento: AMIRA Napoli Campania col suo fiduciario Dario Duro, event manager, Donna Luisella ristorante napoletano, pasticceria Sirica dal 1976, Luigi Del Prete azienda agricola Campodiluna, Amis Catering e Dagal Social. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA