De Giovanni a sorpresa: «L'addio al commissario Ricciardi? Non escludo il ritorno»

di Generoso Picone

«Non escludo il ritorno».

In che senso, De Giovanni: vuol dire che ci ha ripensato e che dopo le proteste e le mobilitazioni in libreria e sul web dei fans lettori, il suo commissario Ricciardi non esce davvero di scena a pagina 263 dell'undicesima e almeno finora - ultima avventura, «Il pianto dell'alba»?

«No, chiariamo. Il ciclo si è chiuso. L'ho annunciato e ora lo confermo. Del resto avevo deciso da tempo che con il 1934 l'arco narrativo delle storie di Ricciardi si sarebbe chiuso. Certo, non possono nascondere che ne ho già molta nostalgia. Si è chiuso il cerchio, però...».

Però?
«Non escludo che tra due o tre anni io possa andare a trovarlo e vedere che fine ha fatto. Ma non nel periodo immediatamente successivo al 1934, magari più avanti nel tempo, per esempio negli anni '60. Potrei raccontarlo in una fase storica diversa. Lui sessantenne, potrebbe essere interessante. Comunque, si tratta soltanto di una ipotesi narrativa».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 25 Giugno 2019, 10:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP