Morto lo scrittore americano Max Evans, autore di romanzi western e “padre” dei grandi film sui cowboy

Venerdì 28 Agosto 2020
A 95 anni è morto in una casa di riposo di Albuquerque, nel New Mexico, lo scrittore statunitense Max Evans, autore di racconti e romanzi western, da cui sono stati tratti film e telefilm incentrati sulle avventure dei cowboy. Evans è stato anche autore di due biografie dedicate all'attore e regista statunitense Sam Peckinpah, celebre per il film «Il mucchio selvaggio», di cui era stato amico e collaboratore. Nato nel 1925 a Ropes, in Texas, Evans ottenne l'attenzione del pubblico con il romanzo «The Rounders», tradotto in italiano come «Gli indomabili dell'Arizona», stesso titolo scelto per il film del 1965 con Glenn Ford e Henry Fonda: narra la storia di maturi cowboy stanchi della vita del ranch che vanno sulle montagne a cacciare cavalli selvaggi; si affezionano a uno che non si fa domare e lo portano ad un rodeo. dove rischieranno quasi di perderlo. «The Rounders» divenne anche un telefilm tra il 1966 e il '67 con Ron Hayes e Chill Wills.

Evans era noto anche per il romanzo «The Hi-Lo Country» (1961), che racconta l'intensa amicizia di due cowboy e del loro amore per la stessa donna dipanata sullo sfondo delle praterie. Peckinpah avrebbe voluto trarre un film dal romanzo, poi portato sul grande schermo nel 1998 da Stephen Frears con Woody Harrelson e Billy Crudup. Frears ha conquistato per questa pellicola l'Orso d'Argento al Festival Internazionale del Cinema di Berlino per il miglior regista. Tra gli altri libri di Evans «The One-Eyed Sky», «Faraway Blue», «For the Love of a Horse» e «Bluefeather Fellini», una raccolta di racconti sugli animali. Il suo ultimo romanzo, «The King of Taos», è stato pubblicato nel gennaio scorso.
Ultimo aggiornamento: 16:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA