Ossessioni hard, Napoli capitale del tradimento (ma in Rete)

di Roberto Carnero

1
  • 109
Tra le tante cose che l'avvento di Internet ha cambiato c'è anche l'àmbito delle fantasie sessuali. Mai come oggi, infatti, il sesso è a disposizione, in rete, in tutte le sue forme (e perversioni). A disposizione di chi lo voglia guardare, ma anche di chi sia interessato a praticarlo. Se infatti la pornografia digitale offre immagini e filmati per tutti i gusti, le applicazioni di messaggeria istantanea mettono in collegamento tutti coloro che vogliano incontrarsi per passare dalla teoria alla pratica.

Le cifre sono da capogiro. Un volume d'affari di 1,2 miliardi di dollari, con un utile operativo di oltre 300 milioni, è stato nel 2016 quello di Match Group, una delle società più importanti di «dating on line», cioè di siti di incontri per adulti, proprietaria di 13 marchi tra cui Meetic, OkCupid, Tinder, Twoo. In Italia 9 milioni sono gli utenti che utilizzano il dating on line per avventure sessuali. Ancora: l'84% dei single italiani hanno provato almeno una volta a conoscere persone tramite siti di incontri. Ogni mese 3.600 nostri connazionali conoscono nuovi partner sul web e 40.500 digitano su Google «donne sposate». La maggior parte di loro abita al Centro-Sud e pare che la capitale del tradimento on-line sia Napoli. In Italia ci sono oltre 400 sex club (un centinaio solo in Lombardia) e, secondo stime recenti, 2 milioni di coppie (quindi 4 milioni di persone) ammettono di essere state scambiste almeno una volta nella vita, mentre tra loro una coppia su quattro è scambista abituale.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 24 Agosto 2018, 10:30 - Ultimo aggiornamento: 24-08-2018 16:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-08-24 12:55:46
solamente per abbo-nati, viva napoli e forza napoli sempre e comunque

QUICKMAP