Arrivano le poesie d'amore della Molisani, ma non parlano di romanticismo

Martedì 2 Marzo 2021 di Alessandra Farro
Arrivano le poesie d'amore della Molisani, ma non parlano di romanticismo

“Spoesie d’amore”, così vengono definite dall’autrice Eleonora Molisani, giornalista di Tustyle, le sue poesie che compongono la raccolta “Romanticidio”. Le “filastronze”, come le ha chiamate la stessa casa editrice Neo Edizioni, vertono intorno al tema dell’amore: drammaticamente ironiche, disgraziatamente vere, catturano scene di vita quotidiana all’interno di una coppia, il russare del partner, la lotta per il cambio stagione, gli inganni dei social.

Com’è nato il progetto?
“Per 27 anni della mia vita mi sono dedicata alla scrittura giornalistica, che richiede un rigore diverso dalla scrittura di un romanzo o di una poesia, nel 2014 ho deciso di uscire dalla gabbia del giornalismo e scrivere un libro di racconti. Da qui molti mi hanno spinto ad utilizzare la vena sarcastica che mi caratterizza come stile da utilizzare per parlare di un argomento che mi sta cuore. Ho sprecato fiumi di inchiostro per dare vita a questa raccolta di poesie: la donna viene sempre descritta in ambito relazionale su determinati cliché, o assomiglia a Bridget Jones, un po’ sfigata, oppure è abbandonata e vittima, volevo creare una rottura in questo schema. Le filastronze, senza i soliti cliché, parlano dell’amore vissuto nel quotidiano dove si sta insieme sul divano. Ma anche di nuove forme di romanticismo, quelle nate con i social network, in cui il romanticismo dell’uomo o della donna si basa sul numero di like sulla pagina del partner, ormai si ragiona per misunderposting, non per misunderstanding, come scrivo nella spoesia ‘Teorema 3.0”.

“Senza l’iPhone una donna cos’è?
Su questo sarai d’accordo con me.
Senza l’iPhone una donna cos’è?
Non vorrai mica tornare al ’93?”.

Tratto da “Teorema 3.0”

Qual è la sua visione del romanticismo?
“Sono una persona poco romantica, ma molto sentimentale. Guardo oltre il romanticismo dei gesti eclatanti, dei fiori, eccetera. Quello che non dovremmo mai dimenticare è il sentimento, che rappresenta l’unico modo per incontrarci. Uomini e donne sono binari paralleli, ostinarsi a capirsi è un’utopia, siamo diversi, ma ci si può rispettare. Ci sono spoesie anche sulla diversità, ho affrontato il tema dello stalking, del femminicidio, in una filastrocca c’è un rap femminista, che canta della differenza tra i sessi ma della parità dei diritti. Mi sono ispirata anche a poetesse femministe importanti da Silvia Plath a Wisława Szymborska. Credo che storia del linguaggio poetico sui sentimenti sia ciò che di più romantico possa esserci”.

Prossimi progetti?
“Mi piace sperimentare col linguaggio: sto preparando un libro indirizzato ai bambini e ragazzi, in cui si parla delle differenze, in quanto siamo tutti diversi, ma non per questo non alla pari. Credo che imparare ad apprezzare la diversità fin da piccoli sia importante”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA