Premio Strega, la cinquina diventa una "sestina" con Veronesi, Carofiglio, Parrella, Ferrari, Mencarelli e Bazzi

Martedì 9 Giugno 2020

Sono stati annunciati ieri i finalisti al premio Strega, e  la tradizionale cinquina diventa una sestina. Al primo posto Sandro Veronesi, “Il colibrì” (La nave di Teseo) proposto dall’Accademia degli Scrausi, con 210 voti; seguono ex aequo Gianrico Carofiglio, “La misura del tempo” (Einaudi) proposto da Sabino Cassese, e 
Valeria Parrella, “Almarina” (Einaudi) proposto da Nicola Lagioia, con 199 voti; Gian Arturo Ferrari, “Ragazzo italiano” (Feltrinelli) proposto da Margaret Mazzantini (181); quindi Daniele Mencarelli, “Tutto chiede salvezza” (Mondadori); per lo statuto del premio, che prevede una quota di piccoli autori in concorso, è stato ripescato Jonathan Bazzi, “Febbre” (Fandango Libri) proposto da Teresa Ciabatti, che in realtà sarebbe risultato settimo (ha avuto 137 voti contro i 141 di Marta Barone) ma è risultato compatibile con il regolamento del premio.

Accedono quindi alla seconda votazione sei libri anziché cinque secondo l’art. 7 del regolamento di votazione: Se nella graduatoria dei primi cinque non è compreso almeno un libro pubblicato da un editore medio-piccolo (così definito secondo la classificazione delle associazioni di categoria e le conseguenti valutazioni del comitato direttivo), accede alla seconda votazione il libro (o in caso di ex aequo i libri) con il punteggio maggiore, dando luogo a una finale a sei (o più) candidati. Non è la prima volta che giunge in finale una sestina. Era accaduto per un ex aequo al quinto posto della prima votazione nel 1953, 1960, 1961, 1963, 1979, 1986 e 1999.

In apertura, il Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico ha annunciato il vincitore del Premio Strega Giovani 2020, proclamato sin dalla prima edizione nel 2014 a Palazzo Montecitorio. Il riconoscimento è andato a Daniele Mencarelli. «Lo dedico a chiunque si trovi in un Tso in questo momento» ha detto lo scrittore, 45 anni, che nel suo romanzo racconta la storia di Daniele, 20 anni, sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio in seguito a una violenta esplosione di rabbia.

La votazione si è svolta, in diretta streaming sul sito di Rai Cultura e dello stesso riconoscimento romano, dalla Camera di Commercio di Roma - Sala del Tempio di Adriano. La giuria del Premio Strega è composta, com’è noto, da 400 Amici della domenica, ai quali si aggiungono 200 voti espressi da studiosi, traduttori e intellettuali italiani e stranieri selezionati da 20 Istituti italiani di cultura all'estero, 40 lettori forti selezionati da 20 librerie indipendenti distribuite in tutta Italia, 20 voti collettivi espressi da scuole, università e gruppi di lettura (tra cui 15 circoli costituiti presso le Biblioteche di Roma), per un totale di 660 aventi diritto. Le operazioni erano iniziate iniziato lo scorso 18 maggio.

La Società Dante Alighieri ha dato il proprio voto a Veronesi: lo scrittore di “Caos calmo” è stato il più votato dai circoli di lettura promossi nei Presidi letterari, la nuova rete della Dante che raccoglie i comitati particolarmente attivi nella promozione del libro.

Il primo incontro aperto al pubblico con gli autori finalisti si terrà come di consueto a Benevento, la città del Liquore Strega, il 19 giugno. Le tappe successive del tour vedono gli autori impegnati a San Benedetto del Tronto il 20 giugno, a Cervo, per la settima edizione di Cervo ti Strega, il 21 giugno e a Parma, Capitale italiana della cultura 2020/2021, il 22 giugno.

Il Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega con il contributo della Camera di Commercio di Roma e in collaborazione con BPER Banca, sarà poi assegnato giovedì 2 luglio al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e in diretta su Rai 3. Ancora da definire le modalità, per le necessarie misure di sicurezza antivirus.

Ultimo aggiornamento: 23:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA