Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Raffaele La Capria, le citazioni più famose: «Una cosa è parlare di Napoli e un’altra cosa è essere parlati da Napoli»

Lunedì 27 Giugno 2022
Raffaele La Capria, le citazioni più famose: «Una cosa è parlare di Napoli e un’altra cosa è essere parlati da Napoli»

Per sempre legato a Napoli, città che gli ha dato i natali, Raffaele La Capria ha scritto e detto molto sulla sua città. «Per uno scrittore nascere a Napoli comporta sempre un pedaggio da pagare. Io, per esempio, ho scritto più d’una dozzina di libri, di questi alcuni – come Ferito a morte o L’armonia perduta – avevano Napoli come tema centrale». 

La sua fu una relazione di amore odio con la città, un «litigio poetico» come lui stesso lo definì. «Uno scrittore per il semplice fatto di essere nato a Napoli viene definito “scrittore napoletano”, e l’aggettivo napoletano gli viene imposto come un marchio di fabbrica, tutto quello che scrive è made in Naples. Io però dico – senza voler nulla rinnegare della mia identità – che i miei libri, anche quando parlano di Napoli, parlano prima di se stessi, cioè di come sono scritti, e poi di Napoli. Dico che una cosa è parlare di Napoli e un’altra cosa è essere parlati da Napoli». 

Video

La Capria ha spesso reso omaggio all'isola di Capri, celebrandone la bellezza dei suoi paesaggi e non solo. «Se è vero che ci sono nel mondo isole belle come Capri, nessuna isola, nessuna al mondo può vantare una storia come quella di Capri» riferiva con orgoglio lo scrittore. L'amore per l'isola era forte a tal punto che per lo scrittore, Capri «non dovrebbe essere venduta come “prodotto di consumo”. Dovrebbe venirci solo chi ne fa esplicita richiesta; chi l'abbia prima lungamente sognata, immaginata e desiderata».

 

La Capria scriveva «Chi sogna si sforza di leggere le parole, se riuscirà a decifrarle avrà una risposta alle domande decisive che lo riguardano. Ma le parole non si afferrano, sono distorte, ondeggianti, viste come attraverso uno schermo d'acqua». 

A noi posteri, lo scrittore napoletano lascia in eredità non solo i suoi scritti ma molte massime ed insegnamenti. Il giorno della sua scomparsa, avvenuta a 99 anni, lo ricordiamo così: «Chi sogna sa di sognare, eppure questo non lo rassicura». 

Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 07:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA