Vanzina, ecco il romanzo “Una giornata di nebbia a Milano”: la ricerca del delitto perfetto

Giovedì 25 Febbraio 2021 di Francesco Musolino
Vanzina, ecco il romanzo Una giornata di nebbia a Milano : la ricerca del delitto perfetto

Esiste il delitto perfetto? Sul tema si sono arrovellati autori celebri, come Arthur Conan Doyle, Agatha Christie, Edgar Allan Poe e Patricia Highsmith. Una sfida senza requie rivolta al lettore che si rinnova nel nuovo libro di Enrico Vanzina, Una giornata di nebbia a Milano, in uscita oggi per HarperCollins (pp.208 18). Luca Restelli, il protagonista, ha trentasei anni e lavora alle pagine culturali di «un vecchio quotidiano milanese della tradizione». Un colabrodo, per sua stessa ammissione. Per mestiere legge libri, consuma migliaia di pagine a settimana e poco dopo, fatalmente le dimenticherà. Nasconde le sue insicurezze con un caustico umorismo, prendendo di mira il destino dei quotidiani, cercando appigli nelle citazioni letterarie e cinematografiche che ne rivelano l'educazione sentimentale alla vita mediata dalle parole e dalla cultura borghese, anteponendo la ragione al cuore provando disperatamente a non scorticarsi l'anima.

Enrico Vanzina: l’arrivo del Prof Mario Draghi nel Paese (a)normale


LA VITTIMA
Finché un giorno, la sua routine viene stravolta. Una mattina, «una nebbia vera, non un effetto speciale, una nebbia densa, pastosa» avvolge tutta Milano, fagocitando i grattacieli, il quartiere Brera e cancellando le case di ringhiera. Quella stessa mattina, in mezzo alla nebbia in Corso Vercelli, un uomo viene ucciso con tre colpi di pistola in pieno viso. La vittima è Giovanni, un concertista apprezzato nonché il padre 66enne di Luca. Come se non bastasse, l'unica indiziata è sua madre, docente all'Università Statale e così, complice un nebbione, la vita di Luca va in frantumi. Con un gran colpo di scena inizia questo giallo e dopo La sera a Roma (Mondadori, 2018) e Mio fratello Carlo (HarperCollins Italia, 2019), il celebre regista, produttore e sceneggiatore Enrico Vanzina, racconta Milano con una trama fitta di riferimenti sentimentali, una partitura di rimandi e richiami dolcemente nostalgici.
L'AIUTO
Ma l'enigma è troppo grande per Luca che si rivolge a Giorgio Finnekens, scrittore noir «senza convenzioni, con il cuore grosso, grottesco e appassionante». Questo milanese in giacca scozzese, «il sigaro spento appeso alle labbra», replica sornione alla supplica - «vorresti risolvere un omicidio con l'aiuto della letteratura» - e intanto, lo porta a spasso per le vie meneghine e noi con lui, a braccetto con quest'anima della notte, «un fenomeno che ha letto tutto» e ama il vattelapesca del Giovane Holden, «finge di confondere Milano con West Hollywood» e idolatra le donne, il piacere e la burrosa sensualità della carne. Insomma, bastano poche righe per avere la certezza che si tratti di un chiaro e affettuoso omaggio allo scomparso Andrea G. Pinketts.

Sean Connery, quella volta insieme allo stadio Olimpico per Roma-Juve e lui fermò l’ultrà che fuggiva


Reso orfano da tre pistolettate con l'ausilio di Finnekens Luca si lancia in una vera impresa, andando «alla ricerca della verità attraverso la finzione» per trovare il colpevole e scagionare la propria madre che è stata inchiodata da una testimone che l'avrebbe vista sparare, quel mattino di nebbia a Milano. Ma con quale movente?
Enrico Vanzina torna in libreria con un giallo brillante - ora colto e ricercato, ora scanzonato e popolare - un grande omaggio alla lettura tout court, con una coppia di protagonisti che indaga per «risolvere un omicidio con l'aiuto della letteratura». La trama si snoda fra il centro storico e i Navigli, il grigiore meneghino tirato a lucido con un sarcasmo che graffia, scalfisce, corrode la patina brillante dello storytelling che ci assedia mediaticamente. Vanzina osa, scrive e riscrive possibili finali, ci consegna un nostalgico e brillante atto d'amore alla finzione, a quell'ossessione di dover passare attraverso le parole e il grande schermo, ovviamente - per imparare a decifrare la vita e non farsene travolgere. Al contempo, l'autore sfida anche i romanzieri a non sfoderare trame ad incastri perfetti, richiamando la lezione di Dürrenmatt, quell'importanza del caso contro il rigore della logica.

Vanzina, nuovo libro: quel verbale e un ispettore freddo come un brutto film


MONTAGGIO
Insomma, sarà vero che il cinema è la vita con le parti noiose tagliate? Finnekens e Luca montano e smontano varie ipotesi e ricostruzioni dei fatti, sussurrando al lettore che ciò che conta davvero è perdersi e poi mettersi in cammino, accettando l'imminenza del baratro, imparando a godersi la vita e mettendo in conto anche gli scherzi beffardi del Fato. Sperando che il finale sia lieto, soprattutto in una giornata di nebbia a Milano.

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA