«R/P Poggioreale», la mostra al Pan e le possibilità dei luoghi di sepoltura

"R/Poggioreale. Tra immagini e Immaginazioni” è la mostra che ripensa alle potenzialità degli spazi cimiteriali

«R/P Poggioreale», la mostra al Pan e le possibilità dei luoghi di sepoltura
di Valentina Bonavolontà
Sabato 4 Marzo 2023, 11:50 - Ultimo agg. 19:18
4 Minuti di Lettura

Una mostra di città, paesaggio ed architettura volta a una costruzione condivisadi nuovi immaginari per gli spazi di sepoltura. Questa l'essenza della mostra inaugurata giovedì 2 marzo 2023  presso il foyer del Pan - Palazzo delle Arti di Napoli “R/Poggioreale. Tra immagini e Immaginari”. 

Il cimitero inteso come eterotopia dedicata alla morte e al di fuori della città dei vivi è un'eredità culturale che sempre più si allontana dalle forme della città contemporanea che, espandendosi, ha spesso finito con l'inglobare queste cittadelle recintate e originariamnete messe a margine. 

«Cerchiamo di pensare ai luoghi di sepoltura come luoghi della cura, nel senso di benessere fisico e mentale, cura comunitaria e personale. Vogliamo che le persone si facciano domande su questo tema, che spesso è condannato. Si parla di pornografia della morte in letteratura, noi cerchiamo di dare altre risposte», racconta Giovangiuseppe Vannelli, curatore della mostra. 

La dicotomia immagini-immaginari è assunta quale dispositivo narrativo per mettere in tensione il sistema cimiteriale della collina di Poggioreale viene messo in mostra insieme ad altri casi di studio individuati in Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi e Stati Uniti per evidenziare le immagini ereditate e gli immaginari rintracciabili in altri contesti. L’esposizione – suddivisa nelle sezioni “Immagini: Napoli”, “Immagini: Mondo”, “Immaginari” e “Comunità a confronto” – è arricchita da Capsula Mundi, opera dalla grande potenza evocativa dei designer Raoul Bretzel e Anna Citelli, e dalle proposte progettuali del DeathLab della Columbia University di New York City.

A cura di Angela D’Agostino e Giovangiuseppe Vannelli del Diarc con il gruppo di ricerca R./.P. dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e in collaborazione con il Comune di Napoli, la mostra si inserisce nell’ambito della ricerca interdisciplinare “Rethinking lastscapes Perspectives” finanziata sul bando di Ateneo Fra2020, e non rappresenta un output della ricerca bensì uno strumento volto ad aprire confronti, creare reti, orientare la prosecuzione delle attività.

Il gruppo di ricerca R./.P indaga le attuali condizioni dei cimiteri: riconosce che queste aree siano ormai parte del tessuto urbano e in conseguenza di processi di densificazione ed espansione delle città.

A partire dalle specificità del contesto napoletano, la ricerca indaga il patrimonio materiale e immateriale, i quadro culturali e religiosi e contribuirono a definire la più attuale e urgente questione cimiteriale. 

Video

«La mostra è un momento intermedio volto a coinvolgere i visitatori, stimolare suggestioni e orientare la prosecuzione delle attività. I visitatori sono invitati a condividere riflessioni e restituire riscontri, partecipando alle attività proposte nella sezione Comunità a confronto», spiega la Professoressa Angela D'Agostino, curatrice della mostra. 

In tale prospettiva, il 14 marzo 2023 alle ore 9:00 si terrà presso l’Aula Magna di Palazzo Gravina la giornata di studi “Rethinking lastscapes Perspectives. Aperture e confronti” con ospiti nazionali ed internazionali invitati per mettere in dialogo esperienze di studio, progetto, gestione e sperimentazione sui temi della ricerca. Ingresso libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA