Asta sull'arte moderna a Bolzano, c'è anche un «Vesuvius» di Andy Warhol

Tre secoli di storia battuti all’incanto. E sarà ancora show di luce e colori nella splendida cornice di Castel Mareccio a Bolzano, dove il 25 novembre si rinnova l’appuntamento internazionale con l’asta dedicata all’arte moderna. L’edizione autunnale, organizzata come sempre dalla Bozner Kunstautionen fondata dal dott. Stefano Consolati, presenta circa 500 lotti e sarà divisa in due fasi secondo una consolidata e fortunata tradizione. Nella prima parte dell’asta sarà battuta al pubblico una raffinata e corposa collezione di opere che spaziano da fine ‘700, attraversano il cuore dell’800 e risalgono lungo tutto il ‘900: arte moderna e internazionale che annuncia autori come Fausto Melotti, Lucio Fontana, Joseph Boyce, Franz Kline. Sua l’opera che fu esposta nel 1958 alla Galleria La tartaruga di Roma. Nel catalogo anche Andy Wharol, il grande artista americano tra i più influenti del ventesimo secolo e di cui ricorrono i 90 anni della nascita il prossimo agosto. Nella seconda parte dell’evento saranno presentate opere della terra trentino tirolese tra le quali il cultore appassionato potrà apprezzare le tempere di Alfons Walde e i ritratti del grande pittore austriaco Max Weiler. Collezionisti da tutto il mondo saranno collegati via internet e con traduzione simultanea. Il catalogo cartaceo si potrà consultare sul sito www.bozner-kunstautionen.com e sui principali siti europei specializzati del settore.

“La casa d’arte è uno strumento immediato e trasparente per mettere in contatto opere e oggetti di valore nella compravendita - spiega Stefano Consolati - ma anche occasione di scambi culturali e di interessi legati al mercato. Siamo l’anello di congiunzione tra il sud e il nord Europa”.
Martedì 14 Novembre 2017, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2017 14:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP