Cilento, Villani e Prisco: a Vico Equense l'estate profuma di libri e si colora di incontri e letture

di Donatella Trotta

Libri… d’amare. A mare. Fronte mare. Vista mare. Libri sotto le stelle, sotto un glicine, a bordo piscina. Vico Equense, piccola perla appartata della Costiera sorrentina, entra nel vivo della stagione estiva. Rilanciando un profondo convincimento di Elias Canetti: senza libri le gioie marciscono. Ed entrano così nel vivo anche ormai storiche rassegne vicane dedicate proprio al piacere della lettura. Anche (e soprattutto) in vacanza: momento d’ozio creativo e pausa di distensione dalla frenetica iperconnessione quotidiana.

E in attesa degli appuntamenti di agosto, ecco intanto gli ultimi incontri di luglio in calendario per la riuscita rassegna «Ubik vista mare» 2019, promossi presso il Resort Le Axidie alle ore 21 dalla libreria Ubik guidata con passione da Giovanna Starace: che dopo aver esordito l’11 luglio con Giuro che non avrò più fame di Aldo Cazzullo, presentato da Armida Parisi, appuntamento seguito dal romanzo di Lorenzo Marone Tutto sarà perfetto (18 luglio, con l’autore è intervenuta Giovanna Domestico), prevede, giovedì 25 luglio alle 21, un incontro dialogico tra Antonella Cilento e chi scrive sull’ultimo riuscito libro della scrittrice napoletana: Non leggerai (Giunti), romanzo distopico per adolescenti (e non solo)  ambientato in una Napoli futuristica ma neanche troppo che ci fa fare in conti proprio con una delle piaghe italiote della contemporaneità: la scarsa affezione alla lettura - con tutte le conseguenze in termini di sottosviluppo - esemplificando vivacemente e magistralmente, di contro, le infinite potenzialità dei classici nel loro impatto trasformante sugli individui e sulle collettività.

Ma a proposito di civiltà dei libri, della lettura e di stili di vita, il 5 agosto sempre nella stessa sede sarà poi la volta della presentazione di un saggio tanto rigoroso quanto godibile della studiosa Paola Villani: Ritratti di signore. I galatei femminili nell'Italia della belle époque e il caso Serao (Franco Angeli), al centro di una conversazione da salotto letterario in riva al mare, ben oltre il bon ton di ieri e di oggi, nella quale l’autrice sarà accompagnata, tra gli altri, da Valentina Cannavale e Domenico Ciruzzi. Prima di Ferragosto, infine, un grande ritorno: quello di Michele Prisco, che proprio a Vico Equense elesse, nella sua Casarella di Via Raffaele Bosco, il proprio buen retiro, fonte di ispirazione di tanti romanzi composti in Costiera durante la pausa estiva.

La figlia Annella, che sta seguendo le orme paterne come narratrice e promotrice culturale, presenterà infatti il suo ultimo libro Girasoli al vento. Riflessioni e ricordi su mio padre (Guida editori), riedizione aggiornata di Chiaroscuri d’inverno (Graus 2005) che, in vista del centenario della nascita del grande scrittore torrese (il 18 gennaio 2020), ripercorre in chiave diaristica e di zibaldone di riflessioni, ricordi, emozioni e sentimenti un legame familiare indissolubile. Ma anche la lezione esemplare di civile letteratura che da quell’alveo privato e domestico, aperto al mondo, alle relazioni autentiche e al primato degli affetti e dell’amicizia, continua ad irradiarsi ancora oggi. L’appuntamento è il 10 agosto alle 21,30 presso l’Hotel Aequa, nell’ambito della rassegna «Libri sotto il glicine» curata da Maria Pia Rossignaud.
Mercoledì 24 Luglio 2019, 16:06 - Ultimo aggiornamento: 24-07-2019 16:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP