«La corruzione spuzza»: al terzo seminario dell'Orientale Cantone e Coccopalmerio su giustizia e legalità

di Donatella Trotta

Migrazioni, venti di guerra, giustizia: entra nel vivo dell’attualità il terzo e ultimo Seminario del Corso di perfezionamento sul Dialogo interreligioso e interculturale, promosso dall'università L'Orientale di Napoli, diretto da Raffaele Luise e coordinato da Chiara Ghidini.

Dopo i due precedenti incontri sull’approccio interculturale e interreligioso al fenomeno migratorio, e sugli spazi del dialogo per la costruzione pacifica di società autenticamente cosmopolite e multipolari, l’appuntamento di oggi (dalle ore 16 alle 18 presso la sede del Rettorato a Palazzo Dumesnil, in via Chiatamone 61/62) affronta un terzo tema cruciale della contemporaneità: «Giustizia, lotta alla corruzione e promozione di una cultura della legalità al tempo di papa Francesco».

A discuterne saranno autorevoli relatori del mondo laico e religioso, tra i quali il magistrato Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità anticorruzione (Anac), il cardinale Francesco Coccopalmerio, ministro della Giustizia della Santa Sede, accanto ad alti esponenti della società civile e del mondo accademico, come Roberto Cogliandro, Presidente dell'Associazione dei Notai Cattolici (Aimc) e Carlo De Angelo, Professore di Diritto Islamico. Apriranno i lavori, introdotti e moderati da Raffaele Luise, decano dei vaticanisti Rai, il saluto della Rettrice dell'Orientale, Elda Morlicchio, e una introduzione di Antonio Buonajuto, già Presidente della Corte d’Appello di Napoli e Presidente della Fondazione Castel Capuano che patrocina l’iniziativa, promossa anche dall’Ainc, dal Regno dei Santi Pietro e Paolo e dal Movimento Cristiano Lavoratori di Napoli.

«Non può esserci giustizia né legalità, se non si combatte a fondo la corruzione», spiega Raffaele Luise: «Non a caso le linee guida del seminario sono state ispirate dai numerosi pronunciamenti di papa Francesco sulla “malattia” della corruzione, ripresi dal titolo del libro di Raffaele cantone “La corruzione spuzza”. Ed è la prima volta – conclude Luise – dopo l’approvazione del Codice Antimafia e della proposta vaticana di comminare la scomunica anche ai corrotti, che rappresentanti del Vaticano, delle istituzioni civili e della società civile si incontrano su questo tema scottante a Napoli».
 
Lunedì 8 Gennaio 2018, 06:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP