Simonetta Agnello Hornby apre Romics con il suo nuovo libro per ragazzi

di Donatella Trotta

Sarà Simonetta Agnello Hornby ad aprire il 4 ottobre il nuovo Romics, Festival “cult” del fumetto e del cinema di animazione giunto alla 24esima edizione, in programma a Roma fino al 7 ottobre (in via Portuense 1645/647) e rivolto a tutti gli appassionati del genere che tra giochi e fantascienza, cosplay e disegni animati, grahic novels e libri, concerti, stand espositivi, proiezioni, presentazioni e anteprime trovano pane per i loro denti. Ma la novità è che Agnello Hornby, scrittrice italiana di origine siciliana con cittadinanza britannica tra le più amate e tradotte al mondo, sarà presente in veste di autrice del suo primo romanzo per ragazzi ,scritto a quattro mani con il figlio George e illustrato da Mariolina Camilleri, docente di tecniche pittoriche e illustratrici di libri per bambini. Il libro (che sarà presentato giovedì 4 ottobre sul Palco Comic&Movies, Padiglione 5, alle ore 11.30, in un incontro aperto ai ragazzi delle scuole e al pubblico di lettori di ogni età) si intitola Rosie e gli scoiattoli di St. James e lo pubblica la casa editrice Giunti. Nella scia della Fattoria degli animali di orwelliana memoria, è un’allegoria che narra, attraverso il mondo magico delle creature non umane, tutti i problemi, i nodi e le inquietudini della nostra attuale società multietnica.

Temi sui quali la scrittrice - tradotta in 25 lingue a partire dal suo esordio, a 58 anni, con il premiatissimo romanzo La Mennulara (Feltrinelli), di cui arriverà a breve in libreria la anche versione  graphic novel, realizzata in collaborazione con Massimo Fenati – è più che ferrata: laureatasi in giurisprudenza all’Università di Palermo, dal 1972 risiede infatti a Londra, dove ha esercitato la professione di avvocato aprendo a Brixton lo studio legale “Hornby&Levy”, specializzato in diritto di famiglia e minori. Ha insegnato diritto dei minori nella facoltà di Scienze Sociali dell’Università di Leicester ed è stata per otto anni part-time Presidente dello Special Educational Needs and Disability Tribunal. Un’autrice insomma che ha sempre cercato con sensibilità sociale e respiro solidale di legare la professione di avvocato e la sua scrittura all’impegno per sostenere le cause dei minori, delle vittime di violenza domestica e dei più emarginati.

Tra i suoi romanzi, veri e propri bestseller che hanno venduto in Italia più di un milione di copie: si pensi ad esempio a  La zia Marchesa (2004), Boccamurata (2007), Vento scomposto (2009), La monaca (2010), Il veleno dell’oleandro (2013), Caffè amaro (2016), tutti usciti per Feltrinelli. Ma di grande successo sono anche i libri di Simonetta Agnello Hornby legati alla cucina: Un filo d’olio (Sellerio, 2011), La pecora di Pasqua (con Chiara Agnello, Slow Food, 2012) e Il pranzo di Mosè (Giunti, 2014). Non solo. Dopo aver pubblicato pure una insolita guida/memoir personalizzata della capitale britannica, dal titolo La mia Londra  (Giunti, 2014), nel 2015 l’autrice è entrata nelle case degli italiani apparendo sul piccolo schermo con il figlio George su Raitre, nel documentario tv per RaiTre «Io & George»: un avvincente viaggio da Londra alla Sicilia, passando per Napoli, affrontando tutti gli ostacoli e le barriere non soltanto architettoniche disseminati sul cammino di chi è costretto per una disabilità – come il figlio George - sulla sedia a rotelle. Un documento televisivo intelligente, ironico e spiazzante in presa diretta, che ha accresciuto negli spettatori la consapevolezza dei problemi affrontati dai disabili.

Per LaEffe, inoltre, Simonetta Agnello Hornby ha pure girato «Nessuno può volare», docu-film e titolo del suo ultimo libro scritto con il figlio George e pubblicato da Feltrinelli nel 2017 che le è valso nel 2018 il premio “Stella di Sant’Alessio” per aver saputo valorizzare il mondo della disabilità e della disabilità sensoriale.
Venerdì 14 Settembre 2018, 10:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP