Abi, il monito di Patuelli al Sud:
«Pieno di banche ma non investe»

di Nando Santonastaso

«Una banca degli investimenti per sostenere il rilancio del Mezzogiorno? «Per la verità sono anni che ne sento parlare», riflette Antonio Patuelli, presidente dell'Abi, l'Associazione tra le banche italiane. E aggiunge: «Io ricordo che il prossimo 4 novembre festeggeremo i 5 anni dalla nascita della vigilanza unica europea sulle banche e che le autorizzazioni alla nascita di nuove banche le dà solo Francoforte. Dal momento però che viviamo in un'Europa dalla sfrenata concorrenza bancaria, ognuno è libero di produrre le iniziative economiche che più ritiene opportune. Ma attenzione: l'attività bancaria non si improvvisa: quindi, se la Repubblica vuole intraprendere nuove iniziative la responsabilità è tutta sua e dovrà svilupparla con le medesime regole introdotte dalle varie Basilea succedutesi in questi anni, nonché nel rispetto di quelle in vigore con l'Unione bancaria e con la stessa Ue».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 1 Agosto 2019, 08:42 - Ultimo aggiornamento: 01-08-2019 15:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP