Alitalia, De Micheli: «Rispettare i tempi per la vendita». Lufthansa: inevitabile un profondo risanamento

Martedì 7 Gennaio 2020
Alitalia, De Micheli: «Rispettare i tempi per la vendita». Lufthansa: inevitabile un profondo risanamento
​Alitalia, il ministro De Micheli ai Commissari della compagnia aerea: «Rispettare i tempi per la vendita». E Lufthansa fa sapere che è inevitabile un profondo risanamento«Io credo che si debbano rispettare esattamente questi tempi» indicati dal decreto Alitalia, ovvero il termine del 31 maggio per la vendita della compagnia. Lo ha detto la ministra dei trasporti Paola De Micheli in audizione alla commissione trasporti della Camera. «Veniamo già da una storia articolata e complessa. Gli interventi da fare devono rispettare quella tempistica e quella copertura finanziaria», ha detto.

Alitalia, Leogrande: "Zeni sarà Direttore generale"

Alitalia, Lufthansa: "Cominciamo da partnership. Inevitabile ristrutturazione" 

 



De Micheli: 
«Alitalia dovrà continuare a giocare un ruolo in Italia». «Alitalia dovrà continuare a giocare un ruolo in questo Paese, qualunque sarà la decisione finale». Lo ha detto la ministra delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli in audizione sul decreto Alitalia alla commissione Trasporti della Camera. «C'è un tema del ruolo di Alitalia nella ridisegnazione delle strategie degli hub più a sud», ha detto De Micheli facendo riferimento all'aggiornamento del Piano nazionale degli aeroporti che la ministra intende avviare a marzo e concludere «in estate».

«Se servirà tempo valuterà il governo». «Continuo a ritenere che i tempi di questo decreto debbano essere rispettati. Se il commissario comunicherà al ministro e al Governo che questo non è possibile, il Governo valuterà. Ci sarà opportuna una discussione collegiale nel Governo». Lo ha detto la ministra dei Trasporti Paola De Micheli in audizione alla Camera su Alitalia, ribadendo comunque la necessità di rispettare «sia la copertura finanziaria che la tempistica prevista».

«Priorità del governo resta l'occupazione». «Il Governo ha come prima preoccupazione il mantenimento dei livelli occupazionali. Ma questo è sempre stato nelle cose in tutti i drammatici e faticosi passaggi pregressi». Lo ha detto la ministra dei trasporti Paola De Micheli in audizione alla Camera su Alitalia, aggiungendo che comunque «questo tipo di attività la possiamo discutere una volta che abbiamo un piano».

Lufthansa: «Profondo risanamento inevitabile»

Lufthansa: «Partnership è meglio di un investimento». «Siamo convinti che un profondo risanamento di Alitalia sia inevitabile. Solo così guadagnerà il tempo necessario e partendo da una posizione di forza avrà una scelta libera tra i tre sistemi più forti in Europa», Lufthansa Iag e Air France. Lo sostiene il responsabile per Lufthansa del dossier Alitalia, Joerg Eberhart, presidente e ceo di Air Dolomiti, in audizione alla commissione Trasporti della Camera. «Dal nostro punto di vista per un rilancio di Alitalia è più vantaggiosa una forte partnership che un investimento una tantum», ha sottolineato Eberhart.

«Taglio dei costi, ma riduzione del personale è ultima ratio». Un risanamento di ampio respiro dovrebbe prevedere «in sostanza abbassamento costi con accordi e contratti nei mercati» e un aumento «dell'utilizzo sia del personale che delle macchine, prima delle macchine e con quello viene dopo un utilizzo maggiore delle personale». Così il rappresentante di Lufthansa, Joerg Eberhart, in audizione davanti alla commissione Trasporti alla Camera su Alitalia. «In caso di ulteriori perdite»v e solo «se tutte le altre misure non funzionano», bisognerà «anche infine pensare un ridimensionamento», ma «una riduzione della flotta e del personale navigante è un'ultima ratio».
Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio, 15:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA