Amazon, boom delle imprese della Campania tra cibo e artigianato

Mercoledì 29 Luglio 2020 di Valerio Iuliano

Il commercio digitale sfrutta l'onda lunga del lockdown. Oltre due milioni di italiani, non ancora avvezzi ai pagamenti elettronici prima della pandemia, si sono avvicinati all'e-commerce negli ultimi mesi. E in Campania nel 2020 sono state anzitutto le piccole e medie imprese a incrementare vertiginosamente il loro giro d'affari, anzitutto attraverso Amazon. Le aziende del territorio che vendono i loro prodotti online sulla piattaforma sono attualmente oltre 2mila, circa il 20% in più rispetto allo scorso anno. Le imprese campane hanno allargato la loro clientela in Europa e nel mondo, con la vendita dei prodotti tipici del territorio nostrano.

Per la crescita del loro business, le piccole aziende locali si avvalgono di soluzioni e programmi creati ad hoc, da Amazon Handmade ad Amazon Made in Italy. Il primo è dedicato proprio agli artigiani che vogliono vendere online su Amazon. «Si tratta di un negozio online - fanno sapere dall'azienda - di prodotti interamente fatti a mano: i partner di vendita possono creare un profilo personalizzato a titolo gratuito per vendere i propri prodotti artigianali, anche personalizzabili. Solo quando si conclude una vendita viene dedotta una commissione per segnalazione del 12%». Una soluzione che caratterizza fortemente il colosso di Seattle è Amazon Made in Italy.

LEGGI ANCHE Digitale e infrastrutture, via alle riforme 

«Da cinque anni Amazon sostiene le piccole imprese italiane attraverso la vetrina Made in Italy, che offre l'opportunità ad eccellenze italiane non solo di vendere sulla piattaforme, ma anche di esportare i propri prodotti all'estero. Il 75% delle aziende presenti su Amazon Made in Italy ha esteso il suo business, in Paesi come Francia, Germania, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti, grazie agli investimenti sulla digitalizzazione delle Pmi.. Circa il 50% delle imprese appartiene alla categoria del design, oltre il 30% al fashion, il 10% circa al food, mentre il 5% appartiene alla categoria Bellezza e Benessere (beauty)».

Per incrementare le potenzialità commerciali delle aziende nazionali, nel 2019 Amazon ha stipulato un'intesa con l'Agenzia Ice, recentemente prorogata fino a dicembre 2020, con l'obiettivo di sostenere le piccole e medie imprese italiane, sviluppare le vendite e promuovere la cultura e l'imprenditorialità italiana in Italia, Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Stati Uniti. L'accordo prevede la realizzazione di un piano di promozione per l'inserimento di nuove aziende nella vetrina di Amazon, che conta 1 milione di prodotti.
 


Uno degli esempi più tipici del boom dell'e-commerce è quello di Coppola Foods, un'azienda salernitana a conduzione familiare, arrivata alla  quarta generazione e con una lunga tradizione nella produzione e commercializzazione di prodotti alimentari. Amazon ha permesso all'azienda di esplorare il commercio online in Italia e in mercati esteri come Germania, Francia, Spagna e Stati Uniti. «Abbiamo avuto la possibilità- spiega il Ceo Ernesto Coppola- di vendere online in modo efficiente, soprattutto nell'ottica della personalizzazione dell'offerta sulla base dei feedback dei clienti». Il pomodoro San Marzano e i sughi pronti senza zuccheri aggiunti sono tra i prodotti più apprezzati all'estero e durante il lockdown le vendite di Coppola Foods sono quadruplicate.

I prodotti tipici delle aziende artigianali campane sono al centro dell'iniziativa Vacanze in Italia, realizzata da Amazon in collaborazione con Lonely Planet. «Si tratta di un viaggio - spiegano da Amazon - attraverso lo Stivale con 20 itinerari, uno per ogni regionea. Per la Campania la guida include prodotti come i piatti e le tazzine da caffè realizzate da Le Ceramiche del Castello di Nina Palomba, i Sandali in stile Positano della Calzoleria Naclerio dal 1896, il caffè napoletano di Passalacqua Harem e i taralli napoletano extra mandorlati artigianali di Iazzetta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA