Draghi: «Se il debito è troppo alto un Paese perde sovranità»

Mario Draghi
«Un Paese perde sovranità quando il debito è troppo alto», perché a quel punto «sono i mercati che decidono», e ogni decisione di policy «deve essere scrutinata dai mercati, cioè da persone che non votano e che sono fuori dal processo di controllo democratico»: lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi paralndo a Bruxelles al Parlamento europeo. «Il debito viene prodotto da decisioni politiche dei Governi», e «la sovranità viene persa a causa di politiche sbagliate».

«Per realizzare in pieno i benefici dell'euro, ci servono gli stessi componenti che hanno fatto l'euro una realtà nel 1999», ovvero riforme strutturali da parte degli Stati membri e aiuto dell'Europa a fare tali riforme, ha poi aggiunto il presidente della Bce. «Da una parte servono riforme nazionali per promuovere una convergenza economica sostenibile. Sotto tutti i sistemi monetari un potenziale di crescita più alto si può ottenere solo con un continuo sforzo di riforma», che è principalmente nelle mani degli Stati membri, ha proseguito Draghi. Dall'altro lato, però, «l'Europa può fare la differenza sostenendo e facilitando questi sforzi di riforma. Il nostro stare insieme rappresenta un vantaggio competitivo unico, e dobbiamo capitalizzare su questo».

«I rischi alle prospettive economiche si sono mossi verso il ribasso» ma la Bce può usare di nuovo «altri strumenti nella cassetta» degli attrezzi se le cose andassero «molto male», ha poi assicurato il presidente della Bce.

«L'ambiente esterno è meno vivace del passato e l'Italia cresce meno di prima e significativamente meno delle attese», ma «è troppo presto per dire se servirà una manovra correttiva, bisogna prima vedere quali saranno le uscite e le entrate fiscali», ha poi rilevato il numero uno della Bce rispondendo a una domanda sull'Italia di un eurodeputato. In ogni caso l'accordo con la Commissione Ue sulla manovra «è stata una notizia positiva», ha aggiunto.

«Grazie agli sforzi di tutti i cittadini europei l'Eurozona è uscita dalla crisi», con risultati «tangibili» come i 22 trimestri consecutivi di crescita e la disoccupazione al minimo da ottobre 2008. Ma negli ultimi mesi arrivano «informazioni più deboli dell'atteso», e «la persistenza delle incertezze, in particolare collegate a fattori geopolitici e alla minaccia di protezionismo pesa sul sentimento economico», ha detto ancora il presidente della Bce.

«L'euro è stato pensato per essere una moneta stabile e affidabile ed ha garantito la stabilità dei prezzi per due decenni. Oggi nei 19 paesi che attualmente costituiscono l'area dell'euro ci sono 20 milioni di europei in più che lavorano rispetto a 20 anni fa. E dalla creazione dell'euro, il tasso di partecipazione alla forza lavoro è passato dal 59% al 67%, il livello più alto di sempre», ha sostenuto ancora Draghi.


 
Lunedì 28 Gennaio 2019, 17:02 - Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 07:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-28 21:05:54
Il paese ha già perso sovranità ed è perso , alla deriva. Non se ne vogliono rendere conto che se la massa dei giovani ,laureati diplomati e non , non trova lavoro finiremo presto in una fame profinda tale da far sparie l'italia. Il sistema paese collasserà

QUICKMAP