Già metà delle utenze domestiche passate al mercato libero, ma le bollette sono più alte

Venerdì 13 Dicembre 2019
Nel settore elettrico e nel gas continua l'uscita dai regimi di tutela e i consumatori che hanno scelto il mercato libero si avvicinano alla metà dei clienti totali. Sono gli elementi di fondo del Monitoraggio del mercato retail 2018, appena pubblicato, che si affianca alle prime anticipazioni sui dati del 2019, già presentati da ARERA (l'autorità di regolazione per energia reti e ambiente).  In base a quest'ultimi dati nell'elettricità ad aver lasciato la maggior tutela nel 2019 sono il 46,5% dei clienti domestici (circa 13,7 milioni) e già il 59,1% delle piccole imprese (circa 4,1 milioni). Nel gas già a dicembre 2018 sul libero si trovava il 50% dei domestici. Da quanto emerge dal Monitoraggio, le famiglie che hanno scelto il mercato libero si ritrovano a pagare di più di quanto si paga con il mercato tutelato. Mentre ad avvantaggiarsi del mercato libero sono le piccole e medie imprese che riescono ad ottenere sul libero mercato sconti.
«Nonostante la disponibilità di offerte più convenienti della maggior tutela nel 2018, i clienti domestici che hanno scelto un contratto nel mercato libero hanno pagato costi mediamente più elevati, in considerazione della scelta di offerte che spesso includono servizi aggiuntivi, elementi di differenziazione commerciale e differenti strutture di prezzo» afferma l'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente. «Diversamente - osserva ancora l'ARERA - le PMI sul mercato libero hanno mediamente pagato un costo di approvvigionamento più basso di quello della maggior tutela».
Sempre con riferimento al 2018, si conferma come i clienti domestici preferiscono in maniera preponderante offerte a prezzo fisso rispetto a quelle con prezzo variabile: per il settore elettrico l'85,9% dei nuovi contratti siglati dai clienti domestici consistevano in offerte a prezzo fisso (+2% rispetto al 2017); nel settore del gas, tale preferenza è leggermente meno frequente, ma comunque prevalente (70,4% nel 2018 con +1,8% rispetto al 2017). Inoltre, le offerte a prezzo fisso siglate dai clienti domestici prevedono per la maggior parte anche servizi aggiuntivi o altri elementi di differenziazione (l'87,9% nel settore elettrico e il 55,0% in quello del gas)
Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre, 09:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA