Evasione, le armi dell'Agenzia delle entrate: fatturazione elettronica, redditometro e la novità esterometro

Evasione fiscale, ecco le armi del fisco: dalla fatturazione elettronica al redditometro
ARTICOLI CORRELATI
di Michele Di Branco

10
  • 49
Non solo Evasometro. La battaglia contro l’evasione fiscale, che si è a lungo appoggiata agli studi di settore, è stata notevolmente potenziata negli ultimi anni. Uno degli strumenti più importanti a disposizione dell’Agenzia delle Entrate è la fatturazione elettronica, il cui obbligo è stato introdotto nei confronti delle Pubbliche amministrazioni centrali nel giugno 2014, esteso a tutte le amministrazioni nel marzo 2015 e ora in vigore anche nei rapporti tra privati.

Evasometro, via ai primi controlli su saldi e movimenti di conti correnti
La proroga non basta/Ilva, il grande banco di prova per misurare il governo


Il meccanismo permette al Fisco di avere visibilità su tutto ciò che viene fatturato in termini di fornitura nel quadro delle transazioni. I risultati relativi al 2019 appaiono molto positivi, tanto che il governo ipotizza un extra-gettito di 1,5 miliardi rispetto alle previsioni.

L’APPLICAZIONE
Molto più controversa l’applicazione del Redditometro, che il Decreto dignità ha messo all’indice senza però cancellarlo: può essere applicato ancora per le annualità fino al 2015. Si tratta di uno strumento in grado di incrociare molti dati sensibili dei contribuenti per scoprire le potenziali anomalie. Con il Redditometro, il Fisco può verificare il reddito delle persone fisiche in funzione al possesso di determinati beni-indice. In altre parole, il procedimento su cui fonda il nuovo accertamento sintetico è l’esistenza di elementi e circostanze di fatto certi dai quali è assolutamente legittimo presumere una correlata capacità di spesa. Lo strumento viene impiegato per analizzare i periodi d’imposta successivi al 2009, mentre per i periodi precedenti si usa il vecchio strumento accertativo che prende in considerazione la disponibilità e il possesso dei beni da parte del contribuente o nucleo familiare e non il sostenimento delle spese, come avviene per il nuovo Redditometro.

Lo scarto tra l’accertabile e il dichiarato con il vecchio Redditometro è del 25%, con scostamento biennale non consecutivo, mentre ora si riduce al 20% con scostamento annuale. Lo strumento più recente si chiama invece Esterometro. In base alle nuove regole, dall’obbligo di fatturazione elettronica sono escluse le fatture emesse e ricevute da e verso soggetti esteri, ma questi dati continuano però ad essere oggetto di comunicazione alle Entrate, nonostante l’abolizione dello Spesometro 2019. 
Sicché i soggetti che emettono o ricevono fatture da e verso l’estero sono obbligati a trasmettere i dati delle operazioni transfrontaliere di cessione di beni e prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato. L’invio dell’Esterometro da parte del contribuente è mensile e la scadenza è entro 
Lunedì 26 Agosto 2019, 08:58 - Ultimo aggiornamento: 26-08-2019 18:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-08-27 13:32:20
Il problema non si vuole risolvere, non ci vuole molto a prendere esempio dagli USA oppure Australia e tanti altri stati, prova ad evadere e vedi cosa ti succede. Da noi il problema evasione conviene a tutti dal più piccolo al più grande per intenderci , altrimenti come farebbero a dimostrare tanta ricchezza.
2019-08-27 08:42:58
ormai siamo in uno stato di polizia tributaria.....poveri noi....come al solito se la prenderanno con i soliti noti, è più facile....ma perchè non controllano quei loschi tipi che investono in bar, ristoranti, immobili senza che nessuno faccia dei controlli per sapere la provenienza di quei soldini.....
2019-08-26 17:29:29
Servirebbe "solamente" un Fisco ben attrezzato per scoprire le evasioni, che ci sono, cominciando ad analizzare il tenore di vita. una cosa che mi sono sempre chiesto: come si può fare ad avere intestate 50-100-200 auto intestate senza che possa scattare un'indagine, oppure chi dichiara di guadagnare trentamila/quaranatmila euro e poi ha la casa di proprietà, la casa al mare e in montagna, un'auto che costa il doppio del guadagno ecc. Poi quando beccano un povero disgraziato che ha sbagliato a dichiarare il reddito per ignoranza, lo fanno sulla graticola.
2019-08-26 21:47:24
Il fisco è attrezzato, ma nel selezionare chi deve pagare e chi no. Tutto qui.
2019-08-26 16:32:08
Sanguisughe che hanno come unico obbiettivo di formare una massa di schiavi senza un soldo e pochi ultraricchi che hanno gli strumenti per aggirare i controlli, basta fare un giro per le strade per rendersi conto del disastro economico commerciale che hanno provocato!

QUICKMAP