Fase 2, risale il prezzo dei carburanti: +10 cent per benzina e diesel. L'ira dei consumatori: «Vergognoso»

Martedì 26 Maggio 2020
Fase 2, risale il prezzo dei carburanti: +10 cent per benzina e diesel. L'ira dei consumatori: «Vergognoso»
Se durante il lockdown il prezzo dei carburanti era leggermente sceso (ma non in modo proporzionale a quello del petrolio), con la fase 2 si torna alla normalità e i prezzi risalgono: con la ripresa delle quotazioni del petrolio, da qualche giorno di nuovo sopra i 30 dollari al barile, e il conseguente aumento dei prodotti della raffinazione, il prezzo medio al self service nell'ultima settimana è nuovamente risalito.

Leggi anche Virus, Fitch taglia Pil europeo a -8,2%: l'Italia -9,5%

La benzina è arrivata a 1,366 euro al litro, da 1,356 euro della settimana chiusa il 18 aprile. Secondo i dati del ministero dello Sviluppo economico, a crescere è stato anche il prezzo del diesel, passato da 1,247 euro a 1,256 euro al litro. Un aumento 
«vergognoso», secondo l'Unione nazionale consumatori in una nota. «È inaccettabile che i prezzi, non appena finito il lockdown, ricomincino istantaneamente a salire, interrompendo la lenta discesa che, per via del crollo del greggio, durava da settimane» afferma l'associazione.

Secondo l'Unc è stato «troppo comodo far scendere i prezzi mentre gli italiani erano costretti a restare a casa» invertendo subito il trend «non appena si è potuto riprendere a circolare, ossia dal 18 maggio. Anche se per ora il rialzo è minimo, circa 1 cent al litro, su un pieno di 50 litri di carburanti c'è comunque un aggravio di 50 centesimi, 0,501 euro per la benzina e 0,449 euro per il gasolio. - calcola l'associazione - Il timore è che la prossima settimana possa andare ancora peggio». 
Ultimo aggiornamento: 18:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA