Fattura elettronica, «è caos fiscale». Esposto del Codacons contro l'Agenzia delle Entrate

Fattura elettronica, «è caos fiscale». Esposto del Codacons contro l'Agenzia delle Entrate
ARTICOLI CORRELATI
2
  • 563
Da qualche giorno, come previsto dalla legge, è obbligatoria l'introduzione della fatturazione elettronica. Ma come spesso accade in questi casi, i primi giorni sono stati pieni di difficoltà: il Codacons in una nota denuncia il caos fiscale generato dalle nuove norme, in particolare proprio dall'introduzione della e-fattura.

Nuovo 730, il modello già online. Dal bonus giardini a bus e treni e detrazioni, tutte le novità

L'associazione dei consumatori in una nota annuncia infatti la presentazione di un esposto contro l'Agenzia delle Entrate per interruzione di pubblico servizio. Il Codacons chiede inoltre di prorogare i termini per l'invio della documentazione, stante l'impossibilità riscontrata nei giorni scorsi da tanti e tanti utenti del sito dedicato alla fatturazione elettronica.

Reddito di cittadinanza, saranno assunti 10mila navigator. «Modello italiano all'avanguardia»

Proprio per assistere i cittadini e aiutarli a orientarsi nel nuovo quadro normativo, il Codacons annuncia di avere attivato un servizio di consulenza telefonico in materia fiscale, così da assistere i contribuenti alle prese con le tante novità normative dell'anno d'imposta 2018. I fiscalisti dell'Associazione, assicura il Codacons, «risponderanno alle domande il mercoledì e il giovedì e forniranno informazioni su cosa i contribuenti possono o non possono fare - tra rottamazioni delle cartelle, definizione delle liti pendenti e saldo e stralcio delle cartelle esattoriali - con riferimento alla nuova normativa».

A Roma,aggiunge il Codacons, «sarà possibile iscriversi all'Associazione con una tariffa agevolata e ottenere così una consulenza personalizzata presso lo sportello 'Fisco e Tributì. In questo modo, il Codacons in virtù della convenzione stipulata con Agenzia delle Entrate seguirà una vasta gamma di pratiche su delega del contribuente iscritto all'Associazione, che potrà così evitare di recarsi fisicamente presso gli uffici del medesimo Agente della Riscossione». L'Associazione sottolinea che entrambe le iniziative rimarranno in vigore fino al 31 maggio prossimo, termine ultimo per la presentazione dell'ultima istanza agevolata possibile.
Sabato 5 Gennaio 2019, 13:19 - Ultimo aggiornamento: 05-01-2019 14:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-01-05 15:08:07
Provvedimento inefficace a combattere l'evasione fiscale,non cambierà assolutamente nulla.Chi prima lavorava in nero senza emettere alcuna fattura conseguentemente al lavoro svolto,adesso continuerà a farlo,non emettendo neppure la fattura elettronica !!!!!
2019-01-05 19:48:03
Non è per questo motivo che nasce il provvedimento della fattura elettronica : nasce per combattere l'evasione delle partite iva , non l'evasione di chi la partita iva non ce l'ha. Per quello ci sono altri sistemi. E in ogni caso l'evasione delle partite iva è enormemente maggiore dell'evasione di chi è totalmente sconosciuto al fisco : non esiste un solo esponente politico , economico , o sociale che non sia d'accordo su questo...

QUICKMAP