Fca, De Luca chiama Marchionne: «Fondi se investe a Pomigliano»

di Nando Santonastaso

Se Fca, come tutti si augurano, investirà anche nel prossimo quadriennio nelle realtà produttive di Pomigliano, Nola e Pratola Serra, in Irpinia, troverà al suo fianco la Regione Campania. Lo dice apertamente in una lunga dichiarazione diffusa ieri sera il governatore Vincenzo De Luca, prendendo spunto dalle incognite sui futuri investimenti del gruppo, in attesa che a fare chiarezza sia il nuovo piano industriale annunciato per l'inizio di giugno. Concreta, ma al tempo stesso carica di significato politico, specie dopo l'esito delle elezioni, la presa di posizione del presidente. De Luca ribadisce che «la filiera dell'automotive è un asse strategico per lo sviluppo produttivo e per l'occupazione in Campania. Si tratta, infatti, da oltre due anni e mezzo, di un comparto inserito a pieno titolo nei settori di eccellenza dell'economia regionale, ovvero quelli delle 4 A (Automotive, Aerospazio, Agroalimentare e Abbigliamento)». Di qui il forte richiamo all'importanza degli stabilimenti Fca in Campania, «la cui presenza e consolidamento rappresentano un aspetto di fondamentale importanza per l'ulteriore crescita del nostro tessuto produttivo». Perciò «è fondamentale avviare fin da questa fase il percorso che confluirà nel nuovo piano industriale, allo scopo di delineare il cammino necessario per corroborare la missione produttiva degli impianti di Pomigliano, Nola e Pratola Serra, assicurando la definitiva fuoriuscita dalla passata situazione di crisi e l'avvio di una fase di rilancio degli investimenti e di stabilizzazione e consolidamento dell'occupazione».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 9 Marzo 2018, 09:49 - Ultimo aggiornamento: 09-03-2018 17:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP