Fca, saltate le nozze con Renault c'è il rischio spezzatino

ARTICOLI CORRELATI
di Francesco Pacifico

2
  • 19
Bloomberg - con humor caustico tipicamente anglosassone - ha classificato le nozze tra FiatChrysler e Renault come il matrimonio tra due disperati. Una produzione complessiva intorno ai 9 milioni di auto (senza considerare l'apporto di Mitsubishi e Nissan), perdite sostanziali nei ricavi come quelle registrate nel primo trimestre (del 4,5 per cento per i francesi, del 5 per gli italiani), con i transalpini fuori dal mercato dell'alta gamma e il Lingotto privo di nuovi modelli e in forte ritardo sulle motorizzazioni elettriche e sull'ibrido. Tanto che lo storico Giuseppe Berta, uno dei pochi che conosce tutto di casa Fiat e della galassia Agnelli, sentenzia che «per John Elkann sarà molto difficile trovare un'alternativa a Renault. A meno che si guardi a uno spezzatino, vendendo da una parte i marchi americani e dall'altro quelli italiani».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 8 Giugno 2019, 07:30 - Ultimo aggiornamento: 08-06-2019 17:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-06-08 16:57:48
E la solita storia di due aziende abituate ad essere mantenute dai rispettivi governi, ma che sul mercato odierno non hanno idee e inventiva guardi guardare al collasso in F1 Ferrari, alla perdita di vendite di Alfa e Maserati, cui motivi sono conosciuti dai clienti, difetti presenti da anni su tutti i modelli di FCA e la mancata capacitá e voglia a eliminarli. Poi metti che la FCA nel caso di ibride, elettriche e motori a idrogeno, non ne ha la minima idea e manco la competenza, un associazione con la renault sarebbe solo una prolunga al disastro.
2019-06-08 13:24:01
Non sono un economista, ma non ci voleva un genio a capire quanto sostiene Bloomberg. E' ovviamente la mossa della disperazione. Lo ripeto da tempo: FCA è destinata, come, seppure per ragioni diverse, Renault, a un declino ed ad un'agonia inesorabili, visti il ritardo ciclopico nell'adeguarsi all'ibrido e la cronica mancanza di nuove idee e proposizione di nuovi modelli. Siamo sinceri, per quanto riguarda FCA, dopo il restyling della 500, qualcuno ricorda nulla di nuovo? Dunque, di cosa stiamo parlando? DEl rischio che chiuda? Non ci sarebbe nulla di più logico. L'incapacità gestionale prima o poi chiede il conto.

QUICKMAP