Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MATTEO SALVINI

Salvini-Tria, accordo sulla Flat Tax:​ «Stesse cifre da prospettive diverse»

Mercoledì 10 Ottobre 2018
Salvini-Tria, nessun caos flat tax: «Taglio medio di 1,7 miliardi anno»

Sulla flat tax nessun caos. Lo chiariscono il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini e il ministro dell'Economia Giovanni Tria in una nota congiunta dopo le indicazioni di stamattina sulle risorse destinate alla flat tax, per Tria 600 milioni nel 2019 e 1,8 miliardi nel 2020, per Salvini 1,7 miliardi. «Dicono la stessa cosa e le stesse cifre con una prospettiva diversa. Le risorse stanziate sono quelle dette da Tria - si legge nella nota - cioè 600 milioni nel 2019, 1,8 miliardi nel 2020 e 2,3 miliardi nel 2021: in totale a regime ci sono 1,7 miliardi all'anno come sostiene Salvini. Nel triennio abbasseremo le tasse con una media annuale stimabile in 1,7 miliardi», conclude la nota. La differenza di anno in anno è attribuibile alla contabilizzazione a valere sui conti pubblici del taglio di imposizione fiscale Irpef relativamente ad acconto e saldo.

Più tardi una nota congiunta dei due ministri fa chiarezza: «Nessun caos sulla Flat Tax», chiariscono il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini e il ministro dell'Economia Giovanni Tria. «I due ministri dicono la stessa cosa e le stesse cifre con una prospettiva diversa. Le risorse stanziate sono quelle dette da Tria - si legge nella nota - cioè 600 milioni nel 2019, 1,8 miliardi nel 2020 e 2,3 miliardi nel 2021: in totale a regime ci sono 1,7 miliardi all'anno come sostiene Salvini. Nel triennio si abbasseranno le tasse con una media annuale stimabile in 1,7 miliardi», conclude la nota. La differenza di anno in anno è attribuibile alla contabilizzazione a valere sui conti pubblici del taglio di imposizione fiscale Irpef relativamente ad acconto e saldo.

Ultimo aggiornamento: 19:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA