Google, gli editori decideranno quante notizie forniranno gratis

Google fa un nuovo passo verso gli editori e mette fine alla politica del «First Click Free», che consentiva di leggere un minimo di tre notizie gratis prima di arrivare a quelle a pagamento, inaugurando il Flexible Sampling. Lo ha annunciato online il colosso di Mountain View, precisando che in base a questa nuova policy gli editori saranno in grado di decidere autonomamente quanti contenuti mettere gratuitamente a disposizione del lettore prima di attivare il Paywall, ovvero la consultazione a pagamento.

Nel dare il via a quello che definisce un «processo a lungo termine», Google, nel nome della condivisione, presterà la sua assistenza agli editori per capire come semplificare il processo di acquisto dei contenuti da parte dell'utente e, nel lungo periodo, intende «aiutare gli editori a raggiungere nuovi lettori, far crescere gli abbonamenti e i ricavi sviluppando una suite di prodotti e servizi». Infatti, «sebbene le ricerche mostrino che le persone stanno cominciando ad abituarsi a pagare per le notizie - sottolinea Mountain View -, talvolta la macchinosità del processo per attivare un abbonamento può rappresentare un disincentivo e ovviamente questa non è una buona notizia per gli editori di news che vedono negli abbonamenti una fonte di fatturato di crescente importanza. Il nostro obiettivo è far si che gli abbonamenti funzionino in modo semplice ovunque e per tutti». La decisione di passare alla prova flessibile arriva dopo un periodo di ricerche e di esperimenti congiunti con il New York Times e il Financial Times. Proprio da questi due quotidiani vengono i primi commenti positivi.
Lunedì 2 Ottobre 2017, 12:51 - Ultimo aggiornamento: 02-10-2017 12:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP