CORONAVIRUS

Crisi del trasporto aereo, la Qantas licenzia migliaia di lavoratori per coronavirus

Venerdì 26 Giugno 2020 di Marta Ferraro
La compagnia aerea Qantas licenzia migliaia di lavoratori a causa della crisi del settore connessa al Coronavirus

La compagnia aerea di bandiera australiana Qantas ha annunciato che 6.000 dei suoi dipendenti verranno licenziati, mentre il lavoro di altri 15.000 verrà sospeso, a causa della pandemia.

L'amministratore delegato della compagnia, Alan Joyce, ha dichiarato che si sarebbero potuto pensare a piani per recuperare il 40% dei voli nazionali prima della crisi sanitaria entro luglio, ma ora «è chiaro che è probabile che i viaggi internazionali si fermino a lungo». Per questo motivo, secondo The Canberra Times, Qantas potrebbe «diventare una compagnia aerea più piccola».

LEGGI ANCHE Coronavirus, L'Oms: «Covid come la Spagnola: tornò in autunno con 50 milioni di morti»

Dei 6.000 posti di lavoro da eliminare, circa 1.500 corrispondono ai servizi di terra, 1.050 all'equipaggio di cabina e 220 ai piloti, 630 a ingegneri e meccanici e oltre 1.450 a membri non operativi della società. Gli aerei più grandi sono stati messi fuori servizio, il che implica che quasi 3.000 piloti rimarranno senza impiego poiché non ci sarà richiesta per quel tipo di trasporto per qualche tempo, secondo quanto annunciato da Joyce.

Qantas ha deciso di attuare questo piano dopo che la International Air Transport Association ha pubblicato la sua previsione che afferma che ci vorranno più di tre anni per recuperare e tornare ai livelli del 2019.

 

Ultimo aggiornamento: 17:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA