Mezzogiorno, tracollo demografico: perderà centomila abitanti l'anno

di Marco Esposito

Campania regione più giovane d'Italia? Ancora per poco. Tra dieci anni, nel 2028, cadrà l'ultimo primato positivo della regione, con un'età media che nel 2028 sarà ormai tutt'altro che verde - a quota 45,3 anni - mentre il Trentino Alto Adige le strapperà il primato sia pure d'uno soffio: 45,2. Il destino demografico dell'Italia è stato tracciato ieri dall'Istat in un report a suo modo epocale, che prevede con diversi gradi di probabilità il futuro da oggi fino al primo gennaio 2066. Ed è un futuro a tinte fosche per il Mezzogiorno, il cui spopolamento è già in atto a un ritmo superiore a 100 mila abitanti l'anno e si accentuerà nei decenni a venire fino a precipitare dai 20,8 milioni di abitanti attuale a 15,8 milioni nel 2065: 5 milioni in meno. Per il Centronord la situazione è stabile, con una lunga fase di residenti stazionari intorno ai 40 milioni e un declino che si accentua solo nelle previsioni più di lungo periodo, quando morirà le generazione del baby boom nata negli anni Sessanta. C'è un 30% di probabilità, segnala l'Istat, che il Centronord non cali affatto mentre per il Mezzogiorno il destino è segnato in negativo persino nello scenario più favorevole (e meno probabile).

La Campania, in tale quadro, non fa eccezione. Quella che oggi è ancora una regione dinamica dal punto di vista demografico, vedrà progressivamente aumentare l'età media che dai 42 anni attuali supererà i 50 nel 2049. L'invecchiamento, sia chiaro, è un destino amaro che interessa tutta la penisola ma tra mezzo secolo i giovani italiani e neoitaliani abiteranno soprattutto in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio oltre che in Trentino e in Valle d'Aosta.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 4 Maggio 2018, 11:07 - Ultimo aggiornamento: 04-05-2018 13:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-05-04 11:42:38
Spopolamento e tracollo sono enormi esagerazioni. Ci sarà più spazio procapite, meno traffico e forse una leggera minore competezione per i posti di lavoro. Quanto alle risorse per l'accudimento per gli anziani non ci sono neanche oggi.
2018-05-04 11:26:01
E' già...."mezzo..giorno..".... dove gli " occhi continuano...." ,altro che profezia !!

QUICKMAP