«Cerco bravi sarti prototipisti, da sette mesi non riesco a trovarli»

di Francesco Pacifico

  • 278
«Purtroppo, sia nelle famiglie sia nel mondo della scuola non si è ancora compreso che soltanto tutelando delle tradizioni e delle eccellenze, come la moda, si crea lavoro». Carlo Casillo, patron della Push di Nola (fatturato da 10 milioni di euro, 40 dipendenti e prêt-à-porter di gamma medio alta venduta in tutta Europa, Usa, Cina ed Emirati Arabi) da circa 7 mesi sta cercando dei prototipisti. Ma senza successo.

Un'azienda di abbigliamento non trova sarti, incredibile.
«Io cerco prototipisti, non semplici sarti e sarte, ma artisti capaci di cucire un abito dall'inizio alla fine, di dargli la vestibilità, di fare un pezzo unico dal quale si faranno i modelli da mandare in produzione. Pur avendone già sei, ne vorremmo prendere stabilmente due, più un altro paio a livello stagionale in concomitanza con il lancio delle nuove collezioni».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 9 Luglio 2019, 08:00 - Ultimo aggiornamento: 09-07-2019 10:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP