Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

BCE, Trichet: evitare destabilizzazione legata ad attese d'inflazione su medio termine

Martedì 14 Giugno 2022
BCE, Trichet: evitare destabilizzazione legata ad attese d'inflazione su medio termine

(Teleborsa) - "Le banche centrali dei paesi industrializzati, ma anche degli emergenti, si trovano in una situazione di minaccia a livello di sviluppo e quindi non devono assolutamente perdere d'occhio la possibilità di ancorare le aspettative. E la credibilità delle banche centrali è fondamentale. Quindi devono convincere le varie istituzioni economiche e i cittadini. Tutti negli Stati Uniti e tutti in Europa devono avere fiducia nel medio termine nelle banche centrali: torneremo al 2% d'inflazione. Lo ha affermato Jean Claude Trichet, economista francese ed ex presidente della Banca centrale europea, intervenendo all'evento Young Factor.

"Siamo a un punto di svolta, di non ritorno, legato chiaramente alla guerra e al Covid - ha aggiunto Trichet - Dopo decenni di inflazione bassissima, anzi di minaccia di deflazione che ha spinto tutte le banche centrali dei paesi avanzati a posizioni molto accomodanti, ora siamo in una situazione completamente diversa. Ora il problema principale è evitare la destabilizzazione legata alle attese d'inflazione sul medio termine".

"Mi pare che ci sia unità di intenti sulla necessità di mettere fine alla dipendenza dal gas e dal petrolio russo, il problema è la transizione e qui molti paesi si stanno muovendo autonomamente per trovare nuovi fornitori di energia. Credo che dovremmo farlo in modo coordinato e sarebbe bene avere un mercato unico dell'energia - ha detto l'economista in un altro passaggio - Questa guerra è stata una vera pugnalata e ci ha spinto a dover affrontare con urgenza il problema dell'energia che peraltro rientra nella nostra battaglia di lungo termine per combattere il cambiamento climatico".

A una domanda su una maggiore integrazione europea, ha risposto: "A tendere sono a favore di un'Europa federale. Auspico e invito tutti a agire subito", perché "con il tempo questa è la soluzione". Trichet ha specificato che si tratta di una "necessità inevitabile se vogliamo" mantenere "la nostra influenza globale" insieme a Stati Uniti, Cina e India.

© RIPRODUZIONE RISERVATA