Bonus Tv, con la proroga incentivi a 5 milioni di famiglie

Si allarga la platea dei beneficiari con l’aumento dei fondi a quota 68 milioni inserito nella manovra

Lunedì 20 Dicembre 2021 di Umberto Mancini e Francesco Bisozzi
Bonus Tv, con la proroga incentivi a 5 milioni di famiglie

I bonus per comprare un televisore nuovo andranno in onda anche nel 2022. L’iniziativa del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti - inserita in manovra - rifinanzia con 68 milioni di euro l’incentivo per chi ha in casa un vecchio televisore incompatibile con i nuovi standard di trasmissione del digitale terrestre. La misura, secondo i calcoli del Messaggero che ha sentito gli operatori del settore, raggiungerà nel complesso oltre 5 milioni di famiglie. Previsioni più che positive quelle che arrivano dell’Aires, l’associazione italiana retailer elettrodomestici specializzati che riunisce i principali gruppi distributivi, da Euronics a Unieuro fino a Mediaworld.

 

Bonus idrico, rubinetti e docce: sconto fino al 2021, proroga di un anno sino a fine 2023

Manovra, da bonus mobili a ristori per blocco sfratti: le novità

 

La platea

Fino ad oggi sono stati erogati circa 150 milioni per 2,5 milioni di famiglie. E con gli altri 170 a disposizione, tra giacenze e i nuovi 68 milioni, si supererà quota 5 milioni. Ma la grande novità riguarda sopratutto gli over 70 che riceveranno direttamente a casa il decoder. Una facilitazione per chi ha fino a 20 mila euro di reddito l’anno. «Sono particolarmente soddisfatto per questa norma - ha spiegato Giorgetti - che permetterà a milioni di italiani con più di 70 anni di affrontare questo passaggio alla tv digitale senza alcun disagio. Stiamo preparando, in questi giorni, una comunicazione diretta che invieremo a tutti gli interessati con le istruzioni per ricevere e, se serve, farsi aiutare a usare correttamente il decoder». Si tratta di una iniziativa che coinvolgerà i beneficiari over 70 che riceveranno al proprio domicilio la missiva del ministero.

«Anche la rivoluzione digitale - aggiunge Giorgetti - deve essere accompagnata e non pesare su chi ha maggiori difficoltà, penso a quelle economiche ma anche tecnologiche. Le tv degli italiani non si spegneranno». Sulla stessa linea la sottosegretraria Anna Ascani che ho sostento e spinto per introdurre questa misura.

 

Le modalità

I 68 milioni in arrivo con la legge di Bilancio andranno ad aggiungersi ai fondi non spesi della precedente dotazione, dunque per il 2022 ci sono a disposizione circa 170 milioni di euro. 

Tecnicamente l’operazione per supportare gli over 70 sarà possibile grazie a un accordo tra il ministero dello Sviluppo economico e le Poste Italiane. Operazione che consentirà la consegna a domicilio il decoder. L’attivazione del servizio assorbirà 5 milioni di euro di risorse. Soddisfatto il direttore generale di Aires Davide Rossi: «Agli italiani questa misura piace e i numeri lo testimoniano. Il valore medio dei bonus utilizzati è stato di oltre 70 euro». Il bonus tv richiede che l’acquisto venga accompagnato dalla rottamazione di un vecchio apparecchio e vale fino a 100 euro, a cui nel caso dei nuclei con Isee fino a 20mila euro si aggiungono altri 30 euro del cosiddetto bonus tv-decoder.

Il bonus viene erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore sul prezzo del prodotto acquistato. Insomma, la priorità in questa fase è di tenere accese le televisioni degli italiani, aiutando gli anziani nella transizione digitale. 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 22:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA