Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MARIO DRAGHI

Cartelle, condono fino al 2010 (e tetto a 5.000 euro), ma limite al reddito. Cosa c'è da sapere

Venerdì 19 Marzo 2021 di Mario Landi
Cartelle, condono sino al 2010 (e tetto a 5.000 euro), ma limite al reddito. Come funziona

Arriva un nuovo condono per le vecchie cartelle esattoriali, anche se «limitato» come lo ha definito il premier Mario Draghi: dopo un lungo braccio di ferro la maxi maggioranza ha trovato l'accordo su un doppio tetto per limitare l'operazione - 5mila euro il valore del ruolo, 30 mila euro di reddito per beneficiarne - e una finestra temporale ridotta, dal 2000 al 2010, anziché fino al 2015 come si era ipotizzato inizialmente. Il costo per il primo anno sarà di 306 milioni che sale complessivamente a 666 in cinque anni, molto meno dei circa 1,8 miliardi inizialmente previsti per un solo anno.

Una soluzione che accontenta l'ala più a sinistra della maxi-maggioranza, che mal digeriva un condono ampio come si era prospettato all'inizio, ma che consente anche al centrodestra, e a Italia Viva, di rivendicare il successo perché si procederà a stretto giro alla riforma della riscossione. L'obiettivo comune è quello di liberare il cosiddetto magazzino della ex Equitalia, affogato da milioni di cartelle che in 9 casi su 10 oramai non sono in sostanza più esigibili o perché di persone decedute o ditte fallite o perché negli anni già si è cercato già in più modi di riscuotere senza successo. «È chiaro che sulle cartelle lo Stato non ha più funzionato, uno Stato che ha permesso l'accumulo di milioni e milioni di cartelle che non si possono esigere: bisogna cambiare qualcosa» ha sottolineato il premier. 

Video

E nel provvedimento viene scritto nero su bianco che nei prossimi due mesi il ministero dell'Economia dovrà preparare una riforma della riscossione da sottoporre nelle sue linee generali al Parlamento con una relazione che indichi «i criteri per procedere alla revisione del meccanismo di controllo e di discarico dei crediti non riscossi». Con la nuova cancellazione dei debiti fiscali, che segue quella delle mini-cartelle sotto i 1000 euro del 2019, saranno quindi «automaticamente annullati i debiti di importo residuo fino a 5.000 euro comprensivo di capitale, interessi» e sanzioni, comprese le cartelle ancora oggetto della rottamazione. Saranno cancellate però solo quelle delle persone fisiche con reddito imponibile entro i 30mila euro nel 2019 e «dei soggetti diversi dalle persone fisiche» entro lo stesso imponibile. Sarà un decreto del ministero dell'Economia a stabilire modalità e date dell'annullamento delle cartelle e fino a quel momento sarà sospesa ogni azione di recupero sulle stesse. 

Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 17:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA