Covid, Coldiretti: «Il cibo diventa la prima ricchezza del paese, vale il 25% del pil»

Domenica 22 Agosto 2021
Covid, Coldiretti: «Il cibo diventa la prima ricchezza del paese, vale il 25% del pil»

L'Italia, dopo il Covid, riparte dal cibo.  «L'Italia può ripartire dai suoi punti di forza con l'agroalimentare che ha dimostrato resilienza di fronte la crisi con un ruolo di traino per l'occupazione e l'intera economia, per questo abbiamo elaborato e proposto progetti concreti nel Pnrr per favorire l'autosufficienza alimentare e una decisa svolta verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e il digitale con la creazione di un milione di posti di lavoro green entro i prossimi 10 anni» ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che «per sostenere il trend di crescita dell'enogastronomia Made in Italy serve però agire sui ritardi strutturali dell'Italia e sbloccare tutte le infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese, ma anche con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria in alta velocità, con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo. Una mancanza che ogni anno - continua Prandini - rappresenta per il nostro Paese un danno in termini di minor opportunità di export al quale si aggiunge il maggior costo della «bolletta logistica» legata ai trasporti e alla movimentazione delle merci».

 

Caldo, +20% consumo frutta con agosto bollente: nuove modalità di consumo favorite dalle disponibilità tecnologiche

 

L'emergenza globale provocata dalla pandemia ha fatto emergere una consapevolezza diffusa sul valore strategico rappresentato dal cibo e sulle necessarie garanzie di qualità e sicurezza con l'Italia che può contare su una ricchezza che non ha solo un valore economico ma anche storico, culturale ed ambientale. L'Italia, continua la Coldiretti, ha 504 varietà iscritte al registro viti e 533 varietà di olive, è il primo produttore Ue di riso, grano duro e vino e di molte verdure e ortaggi tipici della dieta mediterranea come pomodori, melanzane, carciofi, cicoria fresca, indivie, sedano e finocchi. E anche per quanto riguarda la frutta primeggia in molte produzioni importanti: dalle mele e pere fresche, dalle ciliegie alle uve da tavola, dai kiwi alle nocciole fino alle castagne. Un patrimonio minacciato, afferma la Coldiretti, dalle imitazioni internazionali che non hanno alcune legame con il sistema agricolo nazionale.

 

Cibo, l'export verso il record: l'alimentare Made in Italy fa un balzo dell'11,2% nel 2021

 

«Servono sistemi di etichettatura trasparenti sull'origine delle materie prime e che non siano ingannevoli e nello stesso tempo, non possiamo pensare a un modello dove vi sia spazio per l'artificio e i cibi sintetici, dove si assista alla concentrazione eccessiva dei fattori produttivi, dove prevalga l'interesse particolare delle grandi multinazionali che spingono per l'omologazione su un modello in sostanza dove il cibo sia sempre una commodity» conclude Prandini nel sottolineare che invece «con la nostra idea di filiera sostenibile vogliamo affrontare il futuro non solo creando valore economico, ma guardando anche alla sua distribuzione e alla capacità di restituire valori positivi, sotto il profilo ambientale, sociale, territoriale». 

Ultimo aggiornamento: 23 Agosto, 10:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA